Nuovo podio per Pietro Fabris in Super Cup!

Ivan Fabris attardato dalla bagarre in Gara Uno

L'ultima gara della Super Cup prima della pausa estiva conferma le ottime velleità di Pietro Fabris. Il veneto, giovanissimo ma già veterano della Super Cup avendovi corso fin dalla seconda edizione del 2016 alternandosi al babbo Ivan sulla Peugeot 106 1.4 della Cipierre, ha conquistato al Mugello il suo secondo podio di Classe Turismo 3 in due gare disputate. La Renault Clio Turbo 1.6 ex-Essecorse in livrea Marlboro si è rivelata una arma vincente ed al Mugello l'assistenza di Stefano Secci e Cristian Ricciarini, unita all'ottimo lavoro di messa a punto della Cipierre, hanno decisamente giovato al giovane veneto. A dir la verità anche Ivan Fabris, papà di Pietro, avrebbe potuto fare molto bene in Gara 1, ma un eccesso di bagarre di una vettura della classe 2.0 Special lo ha costretto a rientrare ai box anzitempo, con qualche "impronta" gommosa sulla carrozzeria posteriore. Il tempo di risistemare i danni da parte dei fratelli Paletta e Pietro Fabris ha potuto prendere parte alla seconda manche nella prima mattinata di Domenica. Ottimo l'avvio e la foratura che ha costretto ai box l'ostico Eliseo Cruciani ha consentito a Pietro di pensare in grande nella classifica della Turismo 3. Sfortunatamente dopo un paio di giri alla San Donato Giulio Bensi, impegnato in una dura rimonta con la sua Volkswagen Golf GTI, ha toccato il compagno di team di Fabris Andrea Bonifazi causando un doppio testacoda nella ghiaia. Pietro ha evitato le auto in testacoda ed ha potuto continuare perdendo solo qualche posizione. Al nuovo via Fabris junior ha subito tirato nel tentativo di riportarsi sui migliori della Turismo 3, ed è riuscito in questo obiettivo grazie anche alla seconda neutralizzazione dovuta al recupero della Super Mitjet di De Ambroggi. Al nuovo via Fabris junior ha saputo installarsi velocemente al terzo posto della classe Turismo 3, contenendo anche il recupero di Cruciani e conquistando così un podio da incorniciare. Un piazzamento che dà morale per i prossimi due round di Imola ed Adria, e che sarà anche di sprone a papà Ivan per fare meglio e riscattarsi dalla sfortuna patita nelle sue prime due gare con la vettura francese.

N.M.B.

  • shares
  • Mail