Scuderia Città di Gubbio, grande weekend al Fagioli!

Gabriele Giardini vince il Gruppo N con la Citroen Saxo

La Scuderia Città di Gubbio ha brillato al Trofeo Luigi Fagioli nonostante l'assenza al via del carismatico leader Pierluigi Calzuola. Alla fine il bilancio complessivo è molto buono con quasi tutti gli affiliati del team al traguardo ad eccezione di Luigi Iori fermato per ben due volte da noie tecniche alla Citroen Saxo Vts MkII Racing Start Plus 1.6 appartenuta ad Ivan Fabris. Vediamo il bilancio dei vari piloti nel dettaglio.

Alfredo Calì


Il finanziere piemontese è una garanzia tra le Autostoriche e con la sua Peugeot 205 Rally 4.Gruppo sigla tempi di tutto rispetto sulla rampa di Gubbio. Alfredo non compie il minimo errore, sfortunatamente sulla sua strada si trova un Luca Virgili in stato di grazia. Alla fine l'acceso derby tra Peugeot 205 Rally se lo aggiudica Virgili, ma Calì sigla un bel ventitreesimo posto su quarantanove Autostoriche al traguardo oltre ad intascare un buon secondo posto in classe J2 A1400.

Marcello Basagni


Marcello Basagni, veterano delle Autostoriche, per questa gara è assistito dal team di Calzuola e Rodia e si rende protagonista di una prova positiva con il terzo posto in classe I-T1150 del 3.Raggruppamento. La concorrenza delle A112 Abarth 70 HP dei veterani Alvaro Bertinelli ed Osvaldo Fiorucci è agguerritissima ma alla fine Basagni con due manche accorte porta a casa il 42.esimo tempo tra tutte le Autostoriche.

Ernesto Grimaldi


La prova del forte Grimaldi è davvero positiva. La Peugeot 106 bianco-nero-arancio si comporta bene fin dalle qualifiche ed il pilota sfodera una grande grinta, chiudendo Gara 1 al quattordicesimo posto nella foltissima classe Racing Start 1600. Nella seconda salita, con la pista ancora asciutta, Ernesto va ancora meglio riuscendo alla fine ad agguantare il nono posto di classe nonostante un problema tecnico a poche decine di metri dalla conclusione.

Emidio Luzi


Il giovanissimo pilota ascolano, presente con la Citroen Saxo Vts Racing Start 1600 pilotata a Popoli da Calzuola, si rende protagonista di un esordio brillante sulla rampa di Gubbio. Emi non si fa intimorire dal peggioramento delle condizioni meteo in seconda manche di gara, in cui ottiene il nono tempo parziale. Unico "brivido" il distacco del passaruota anteriore destro all'inizio della sequenza finale di tornanti. Alla fine tredicesimo posto di classe e la certezza di potere ancora migliorare.

Simone Casagrande


Il pilota della 106 Racing Start Plus 1400 bianco-rossa esce bene da un weekend difficile. La concorrenza di Giovanni Cuccioloni è quantomai ostica e già nella prima manche Simone paga un ritardo di sette secondi dall'ascolano. Nella seconda manche non si schiera invece l'altra rivale di classe di Casagrande, Margherita Vezzosi. L'incognita del bagnato, con cambio gomme compiuto in tempi molto brevi dallo staff di Calzuola e Rodia, non disorienta più di tanto Simone che limita i danni e riesce a chiudere secondo di classe con un ritardo di quattordici secondi nei confronti di Cuccioloni.

Gabriele Giardini


Non ci sono parole per definire la stupenda gara del pilota di Fossombrone che comincia subito bene la sua gara con il quarto posto in Gruppo N in prima manche. Il pesarese è terzo tra le N1600 alle spalle delle Peugeot 106 di Errichetti e Marino. Il ritiro per noie tecniche di Giovanni Lisi con la Honda Civic Type-R N2000 elimina un pericoloso concorrente per il podio di Gruppo. In seconda manche arriva la pioggia battente e, cambiate le gomme, Giardini sfodera una prestazione eccezionale, siglando il miglior tempo tra le N1600.Rocco Errichetti tenta di ribattere ma danneggia la 106 in una toccata arrivando al traguardo senza paraurti anteriore. Eugenio Marino, dal canto suo, evita eccessi dopo la toccata con fianco sinistro patita in prima manche di gara e finisce secondo in N1600. Cristiano Rossi si lancia all'attacco con la Subaru Impreza Sti Oltre 3000 e sigla il miglior tempo parziale di Gruppo N, ma non basta per scavalcare la Saxo dell'avversario. Alla fine, per un secondo e ventidue centesimi Gabriele Giardini fa sua la vittoria di Gruppo entrando una volta di più nella storia del Trofeo Fagioli.

N.M.B.

 

  • shares
  • Mail