Paola Pascucci, Daniele Filippetti e Marco Mosca non demordono al Trofeo Fagioli

Mosca si salva per pochi minuti dalla pioggia e contiene i danni in Racing Start 1400

Dopo la soddisfazione per la notizia del conferimento del titolo CIVSA alla Coppa Faro in programma a Pesaro per la seconda Domenica di Ottobre, la P&G Racing torna in campo con le sue vetture a Gubbio per il Trofeo Fagioli 2019. Dovevano essere quattro le auto in campo per il team di Giuliano Filippetti e Paola Pascucci, ma Matteo Zerini atteso al via con una Fiat 500 Racing Start 1400 deve dichiarare forfait qualche giorno prima della corsa e non verifica. Scendono così in campo sulla "pista" di Gubbio la stessa Pascucci con la fedele Mini Cooper S JCW E1 1600 Turbo, Daniele Filippetti con la Ligier JS 51 CN 2000 e Marco Mosca con la Fiat 500 Racing Start 1400. Per la Pascucci un weekend sfortunato. Nelle prove la viterbese naviga saldamente sulla soglia dei 2'29'' e sembra nettamente in lizza per un buon piazzamento nella Coppa Dame. La prima manche di gara vede Paola migliorarsi ancora e siglare un ottimo 2'26''83 che la colloca in buona posizione  nella Assoluta ed al terzo posto tra le Dame dietro la Raiti e la Broccolini.

La sfortuna, come spesso accade, mette però un bell'inciampo sulla strada della Pascucci nella seconda gara. La pioggia cade fitta sul percorso durante la partenza delle prime Auto Moderne e costringe ad un'ora di interruzione. La Pascucci fa cambiare velocemente le coperture e riesce comunque a riprendere il via, ma purtroppo il tempo si alza notevolmente con un 2'49'' che la costringe ad accontentarsi del quinto posto di classe E1 1600 Turbo. Come se non bastasse Camilla Bisceglia, Giulia Gallinella e Martina Crocenzi con le Peugeot 106 Racing Start 1400 hanno tutte la fortuna di salire con la pista ancora asciutta ed in tal modo riescono a sopravanzare la Pascucci nella classifica finale di Coppa Dame. Il bagnato condiziona anche la marcia di Daniele Filippetti con la Ligier JS 51. Ancora in lizza per il secondo posto in gruppo CN dopo la prima manche, con un ritardo di meno di due secondi sulla Osella Pa21 S Evo di Caruso, il giovane figlio d'arte non può attaccare come vorrebbe nella seconda salita, conseguendo un tempo piuttosto alto che lo relega all'ottantottesimo posto assoluto. Per fortuna Caruso non si schiera ed in tal modo Daniele Filippetti ottiene comunque l'argento in CN davanti alla giovane Raiti. Dei portacolori P&G Racing il più fortunato è Marco Mosca, con una delle piccole Fiat 500 ex-Cup in dotazione al team. Mosca viaggia costantemente sulla soglia dei 2'42'' gravitando tra prove e prima manche di gara attorno all 200.esimo posto. Nella seconda salita di gara però Marco, primo tra le Racing Start 1400 a salire, ha la buona sorte di trovare ancora la pista asciutta e quindi, pur conseguendo un tempo di 2'42''08, finisce per fare un balzo in avanti di ben quaranta posizioni nella classifica Assoluta finale. La P&G Racing dà appuntamento a tutti alle prossime gare del CIVM invitando fin da ora i "fans" a recarsi a Pesaro a metà Ottobre per la finale del Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche...

N.M.B.

  • shares
  • Mail