Marchioro trionfa al Rally delle Marche!

Inutile il forcing di Giandomenico Basso

Christian Marchioro e Silvia Dall'Olmo su Skoda Fabia R5 aprono nel migliore dei modi la stagione del Raceday 2019/2020 vincendo il Rally delle Marche in programma a Cingoli. A Marchioro è sufficiente vincere la seconda PS, il primo passaggio sulla "Dei Laghi", e quindi amministrare il vantaggio sugli avversari. In aiuto di Marchioro giunge anche l'annullamento dell'ultima speciale, terzo passaggio della "Dei Laghi", a causa di un incidente occorso nella gara storica. Il più agguerrito tra gli inseguitori di Marchioro è indubbiamente Giandomenico Basso. Con Lorenzo Granai come sempre sul sedile di destra della propria Skoda Fabia R5 il veneto vince tre prove speciali, ma alla fine si deve accontentare del secondo posto con un ritardo di sei secondi e mezzo su Marchioro. Comunque per Basso un allenamento importante in previsione del Tuscan Rewind previsto tra due weekend. Terzo Luigi Ricci che con Alessandro Biordi porta in gara la Hyundai i20 R5 già usata al Nido dell'Aquila. Per Ricci anche una speciale vinta a testimoniare l'ottimo affiatamento al nuovo mezzo. Ricci contiene per soli due decimi Giacomo Costenaro che si deve accontentare del "rame" al volante della propria Skoda Fabia R5 ma compie una gara molto positiva. Un altro protagonista del CIR che si cimenta al Marche in preparazione del Tuscan Rewind è Luca Rossetti quinto con la Citroen C3 R5 con Eleonora Mori alle note. Precede un altro "big" dei rally nostrani, Renato Travaglia con la Skoda Fabia R5. Il trentino non ha particolari problemi a precedere Alessandro Bettega a sua volta al volante di una Skoda Fabia R5. Le vetture di Mlada Boleslav dominano la corsa marchigiana graziata dal maltempo dopo giorni di pioggia, ma un'altra Hyundai i20 R5 riesce ad inserirsi nella Top Ten. La pilota Alessandro Taddei che con Gaspari alle note dimostra una certa fatica ad adattarsi alla nuova auto dopo anni di successi con le Citroen Xsara Wrc. Nono posto per l'imprenditore del beverage Tullio Versace, sempre con una Skoda Fabia R5 della RB e sempre con Cristina Caldart alle note. La Top Ten la chiude Gianmarco Donetto anche lui su Fabia. Alle sue spalle il vincitore della R4, il toscano Valter Pierangioli con una Mitsubishi Lancer Evo IX, affiancato da Giancarla Guzzi. Gruppo N che va allo sloveno Darko Peljhan, veterano della serie ed alla guida di una Mitsubishi Lancer Evo IX. Alle note Matej Car. Battuto nettamente il romano Emanuele Silvestri in gara sulla Lancer Evo IX portata alla vittoria di classe a Nocera Umbra. Completa il podio di gruppo l'indomabile Bruno Bentivogli con la Subaru Impreza Sti che impiega ormai da molti anni con immutato successo. Alle spalle di Bentivogli nell'Assoluta si piazza la Lancia Delta Integrale di Simone Romagna che dal canto suo sbanca la A8 con ampio margine sulla Bmw M3 E30 di Andrea Succi, stavolta navigato da Graffieti. In R2B vince un "big" quale Niccolò Marchioro, ventinovesimo assoluto su Peugeot 208. Al veterano sammarinese Jader Vagnini su Renault New Clio la vittoria in R3C. Degna di nota la vittoria di Mattia Chiesura su Honda Civic Ek4 in N2 ai danni della Peugeot 106 "tricolore" dei toscani Matteuzzi e Piazzini. Sono ottantaquattro le vetture che completano la gara marchigiana riservata alle Moderne, con la quasi totalità dei ritiri dettata da guasti meccanici. La prossima prova del Raceday sarà a Dicembre in Veneto, con il Prealpi Mastershow che avrà luogo nel weekend immediatamente precedente il Natale.

N.M.B.

  • shares
  • Mail