Adria Motor Week 2019: calato il sipario si guarda al 2020

La prima edizione dell'Adria Motor Week va in archivio dopo tre giorni di show e gare. "Abbiamo rodato la struttura, che è perfetta per eventi come questo", dice Mario Altoè.

L'Adria Motor Week 2019 si è chiuso in modo sano, aprendo prospettive ottimistiche per la prossima edizione. Il nuovo contenitore di gare e spettacoli a tema motoristico ha debuttato con tre giorni di show offerti al piacere del pubblico.

Spettacolo in pista, nel kartodromo (trasformato in percorso da rally) e nel paddock, fra gare, sfide incrociate, esibizioni di drifting, che hanno coinvolto molti piloti e diverse tipologie di modelli, dalle Formula X alle GT, passando per tante altre.

Il pubblico presente ha risposto con calore e questo permette di guardare con fiducia al futuro, per ripetere l'esperienza e farla crescere, con un piatto ancora più ricco, che gli uomini dell'autodromo veneto sanno già come condire.

Gianluca Marotta, direttore di gara dell'evento per ACI Sport, parla con soddisfazione della manifestazione: "Belle le gare. Avvincenti gli uno contro uno sia con le vetture da velocità che con le vetture da rally, anche se disputate interamente con condizioni Wet Race. Buona la prima, insomma!"

Ecco il resoconto dell'organizzatore Mario Altoè (direttore di Adria Raceway): "Siamo soddisfatti, non tanto per i numeri ma perché siamo riusciti a far partire l'evento, pur avendolo organizzato in tempi ridotti. In questa prima edizione abbiamo rodato la struttura e abbiamo avuto la conferma che si presta bene ad una manifestazione del genere: Adria è l'ideale per ospitare gare in contemporanea ed ha uno spazio importante al coperto per i team e per l'esposizione. Siamo già al lavoro per il prossimo anno, con alcune modifiche e sorprese".

  • shares
  • Mail