Ecclestone spera che la Red Bull non uccida il campionato 2012

ecvet

Bernie Ecclestone spera che quest'anno i rivali della Red Bull riescano a porre fine al dominio della squadra di Milton Keynes, per evitare un'altra stagione in cui le sorti del campionato si decidono con largo anticipo.

Il boss della Formula 1, convinto sostenitore di Sebastian Vettel, preferirebbe un altro nome in cima alla lista dei conduttori alla fine del 2012, ma ammette che se Adrian Newey progetterà un'altra macchina di riferimento, le uniche speranze che ciò avvenga saranno affidate al compagno di squadra Mark Webber.

Interpellato sulla possibilità che l'australiano riesca a dare del filo da torcere al campione del mondo in carica, Ecclestone risponde così: "Penso che non ci siano fattori ostativi. Quest'anno la situazione dovrebbe essere diversa per lui e potrà dimostrare meglio il suo talento".

Il vecchio Bernie, però, spera che la lotta sia a più ampio raggio, per alimentare meglio lo spettacolo e quindi il business: "Naturalmente la Red Bull cercherà di conservare il primato, partendo da un'ottima base, ma io preferirei di gran lunga che la battaglia mondiale durasse fino all'ultimo giro della sfida conclusiva".

Nel cuore del magnate del Circus c'è la speranza di veder compiere gli attesi miglioramenti di Ferrari e Mercedes: "Da Maranello mi aspetto dei progressi significativi. Alondo è un grande pilota e merita una macchina perfetta. Sul fronte della stella tedesca, sarei sorpreso se non vincesse una gara nel 2012". Anche se non menzionata, la McLaren è fonte di buoni auspici per Ecclestone. Assisteremo a una lotta piena di incertezze per tutto l'anno?

Via | Thef1times.com

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: