Ferrari: Alonso felice ma determinato a lavorare tanto con la squadra

males

Fernando Alonso è stato il grande protagonista dell'inaugurazione del Ferrari Store di Calle Serrano, celebre via dello shopping di Madrid. In questa circostanza il pilota spagnolo del "cavallino rampante" ha offerto un'occasione ghiotta ai giornalisti presenti all'evento, che gli hanno posto delle domande sulla sua stagione agonistica e sulle prospettive in vista dei prossimi appuntamenti iridati.

Nelle risposte dell'asturiano si è registrata una comprensibile soddisfazione per la leadership nel campionato conduttori, unita al desiderio di mantenerla, che impone un duro lavoro per rendere la "rossa" più competitiva: "Sono felice e voglio godermi questo bellissimo momento. Ma non possiamo certo rilassarci, perché l'evoluzione dei giochi avrebbe potuto consegnarci tranquillamente al sesto o settimo posto. C'è ancora molto da fare, perché la competitività della nostra vettura non è dove vorremmo".

Resta il fatto che la F2012 ha segnato dei buoni progressi dopo l'avvio zoppicante. Ora, però, bisogna guardare avanti, come sottolinea giustamente Alonso: "In Canada vogliamo confermare i miglioramenti compiuti ed essere competitivi anche su un circuito più 'normale', perché Monaco è un tracciato dalle caratteristiche uniche e Barcellona lo è altrettanto con le sue curve veloci. Così le prossime due sfide rappresentano un banco di prova molto importante per noi, per verificare il nostro stato di salute".

"A Montreal -dice l'interprete di punta della scuderia di Maranello- porteremo alcune soluzioni nuove. Quella all'orizzonte è una gara dentro e fuori dal circuito: tutti i top team stanno lavorando per introdurre delle novità. Finora abbiamo cercato di sfruttare al meglio ciò che avevamo. Speriamo in Canada di saper confermare i miglioramenti di Barcellona e Monaco... Quest'anno, due o tre decimi ti fanno vincere o perdere cinque o sei posizioni, perché siamo tutti molto vicini. Per questo in ogni gara l'obiettivo è quello di portare nuove soluzioni e correre contro il tempo in fabbrica".

Via | Ferrari.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: