F1, McLaren: Hamilton dovrebbe considerare un taglio di stipendio

Ron Dennis fa capire che Lewis Hamilton potrebbe essere costretto a un taglio di "stipendio" qualora decidesse di continuare in McLaren la sua avventura in Formula 1. Ormai mancano pochi mesi alla scadenza del contratto con il team di Woking e il campione del mondo 2008 si trova ad assumere delle decisioni sul suo futuro, che potrebbe proseguire dove si trova oppure orientarsi verso altri lidi.

La squadra attuale sembra la prospettiva più probabile, anche perché non si evidenziano desideri di altra natura in seno al management. Negli ultimi tempi si è parlato di un accordo triennale sul tavolo, del valore di 60 milioni di sterline, con la possibilità di rinnovo per un altro biennio, a 20 milioni di sterline a stagione.

Ron Dennis, però, vuole rivedere al ribasso questa prospettiva, dato l'attuale clima economico: "E' necessario tenere conto della difficile congiuntura in atto". Interpellato da Martin Brundle per Sky Sports F1 sulla possibilità che questo abbia il significato di un invito rivolto ad Hamilton per spingerlo ad accontentarsi di meno, il boss della McLaren ha così risposto: "Lui è molto ben pagato e prende sicuramente più di me". Una frase che non lascia molto spazio alla libera interpretazione.

Ma la scuderia di Woking non è l'unica opzione di Hamilton per il 2012: molte squadre importanti (Ferrari, Red Bull e Mercedes) hanno un pilota in scadenza di contratto alla fine dell'anno, aprendo la strada a varie prospettive. Dennis, però, spera che dopo aver considerato le sue scelte l'anglocaraibico firmi per lui.

Via | Planet-f1.com

  • shares
  • Mail