Lauda: monoposto più sicure, ma non invincibili!

Niki Lauda

Il recente, drammatico, incidente in cui è incappato Kubica nel corso del Gran Premio di Montreal ha riproposto il tema della sicurezza in pista.
Ed a riguardo, ha detto la sua di recente anche Niki Lauda, che può parlare dalla sua posizione di "mircolato".
Lauda ha lanciato un appello piuttosto inquietante, poichè secondo l'ex campione c'è sempre la possibilita' di incidenti fatali.
Il tre volte campione del mondo Niki Lauda, malgrado il felice esito di un terribile incidente come quello di Robert Kubica nel Gran Premio del Canada, lancia un monito, convinto che la la Morte In F1 rimanga un eventualità ancora oggi possibile: "Soltanto dieci anni fa sarebbe rimasto schiacciato come una fisarmonica" - ha dichiarato Lauda al giornale tedesco Bild am Sonntag - "

"Il fatto che siano passati tredici anni dall'ultimo incidente fatale è solo fortuna. La morte tornerà...è' un rischio ancora presente.
Ai miei tempi, si sapeva che prima o poi si sarebbe passati per un letto d'ospedale. Per molti invece, la Formula 1 è rimasta soltanto esteriorità e fascino, ma è solamente un'illusione. Rimane a mio avviso un dieci percento di possibilità che in una stagione si verifichi un incidente mortale"
.
Insomma secondo Lauda, il lungo intervallo trascorso dalla morte nel 1994 di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger, ha creato una generazione di piloti che non hanno consapevolezza del pericolo.
Ma così non è. Cosa ne pensate?
In ogni caso, una grattatina alle parti intime per gli attuali piloti di Formula1 ci sembra d'obbligo.

Via | F1GrandPrix

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: