Ross Brawn: "Troppe speculazioni sul mio conto"

rossbr“Tutti gli articoli di stampa che mi collegano ad altri team o progetti al di fuori della Ferrari sono tanto inesatti quanto pure e semplici speculazioni”. Lo dice Ross Brawn all'Ansa, rispondendo con una secca smentita al suo ex braccio destro Nigel Stepney, che in un’intervista lo aveva indicato come capo di un gruppo di sei (ex o attuali) dipendenti di Maranello pronti a lavorare per un altro Team.

“La Ferrari - ha aggiunto il tecnico inglese - è la sola scuderia o gruppo con cui ho discusso del mio futuro”. L'ex stratega del Cavallino, ha accettato di parlare proprio perché, a causa dei recenti reportage di stampa sulla sua situazione e sui contorni della sua decisione di prendersi un anno sabbatico, ha ritenuto “utile” ribadire la sua posizione.

Dice Brawn: “Le ragioni del prolungato riposo sono state semplicemente personali. Dopo 30 anni di corse volevo dedicare più spazio alla famiglia e perseguire ambizioni personali che il tempo non mi aveva permesso. Da un lato - e sono fiero di dirlo - la Ferrari era dispiaciuta per la mia scelta, dall'altro hanno capito le mie motivazioni e mi hanno chiesto di discutere le mie scelte future con loro quando fossi stato pronto a tornare a lavorare nelle corse. Ora abbiamo cominciato questa discussione per vedere se le richieste di Maranello e le mie ambizioni possano incontrarsi e per capire se c'è la possibilità di lavorare assieme in futuro”.

L'omone d'oltremanica conclude con una dichiarazione d’affetto verso il nostro Paese: “Dopo dieci anni fantastici la gente e la cultura della Ferrari e dell’Italia sono nel mio cuore. E la Ferrari è la mia squadra. La sola con cui ho discusso del mio futuro. Tutto il resto sono speculazioni”.

Via | Ansa.it

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: