F1, Sam Michael crede in pist stop da due secondi

ds mclaren

Nella Formula 1 di oggi gli pneumatici e i pit stop hanno assunto un valore cruciale. Se più volte i tecnici e i piloti si sono soffermati a discutere del primo aspetto, nessuno si era messo a parlare con la stessa enfasi del cambio gomme. Ci pensa San Michael ad "invertire la rotta", con riflessioni forti sull’argomento.

L’ingegnere australiano, ex direttore tecnico della Williams ed oggi responsabile sportivo della McLaren, si è beccato un sacco di critiche nel corso dell’anno per alcuni pasticci commessi dagli uomini del team di Woking, ma poi le cose sono andate meglio, grazie al serrato allenamento cui sono stati sottoposti i meccanici, che hanno simulato una quantità infinita di soste prima del Gran Premio d’Inghilterra.

Il risultato è un tempo trascorso ai box di Silverstone che ammonta complessivamente a 99”401 per Lewis Hamilton e Jenson Button, contro i 100”805 dei due piloti Ferrari e i 101”181 degli uomini Red Bull.

Questi risultati fanno felice Sam Michael che, compiaciuto dei progressi compiuti, si aspetta dei pit stop di 2”5 entro fine anno. Per il 2013, poi, il suo obiettivo è di fare ancora meglio: “Credo che una sosta di due secondi non sia irrealistica”.

Via | F1sa.com

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: