GP Ungheria F1: le libere del venerdì viste dagli uomini Ferrari

fernando alonso

La prima giornata di prove libere del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 non ha offerto ai tifosi indicazioni chiare sulla gerarchia dei valori, per il diverso lavoro condotto dalle squadre, ma anche per l'acquazzone che ha turbato lo svolgimento del confronto pomeridiano.

Per fortuna l'inclemenza del meteo non ha favorito nessuno, creando per tutti le stesse difficoltà nella valutazione delle gomme da asciutto sulla lunga distanza, così importante nel contribuire alla definizione della strategia di gara.

In casa Ferrari, dopo il terzo posto del mattino, Fernando Alonso ha concluso la giornata in quinta piazza, mentre Felipe Massa è salito dalla settima posizione alla quarta al termine della seconda sessione. Lo spagnolo, come da tradizione, non si sbilancia: "E' stato il solito venerdì, al termine del quale è sempre difficile fare delle ipotesi su come andranno le cose in qualifica e in gara. Lo è ancora di più quando piove, com’è accaduto negli ultimi tre fine settimana in pista".

"Proprio a causa della pioggia della sessione pomeridiana -aggiunge Alonso- non siamo riusciti a provare gli pneumatici da asciutto sulla lunga distanza ma, almeno, la mattina siamo riusciti a completare il lavoro sulle novità aerodinamiche che avevamo portato qui in Ungheria. Sta ora ai nostri tecnici fare tutte le analisi del caso per mettere insieme il miglior pacchetto possibile per il resto del weekend. Qui la qualifica è sicuramente più importante che altrove: sarà quindi fondamentale curare ogni dettaglio per prepararci nella maniera migliore. L'incognita gomme? E' lo stesso per tutti, come a Silverstone e Hockenheim!"

Massa traccia un bilancio positivo della giornata di ieri: "Tutto sommato è andata bene, con l’unico inconveniente della pioggia arrivata a metà pomeriggio, che ci ha impedito di effettuare la prevista prova sulla lunga distanza per capire il comportamento degli pneumatici. Peraltro, non è stato un problema soltanto nostro perché tutti si sono ritrovati nella stessa situazione. Siamo comunque riusciti ad avere un’idea abbastanza chiara sia sulla prestazione delle gomme sia su quella della vettura, ma è davvero troppo presto per dare un giudizio su dove siamo rispetto alla concorrenza. Vedremo come andranno le cose domani. Sappiamo bene che dobbiamo fare tutto al meglio per giocarci le nostre carte con profitto".

Il ragionamento è condiviso da Pat Fry, responsabile del settore Autotelaio della Scuderia Ferrari: "Abbiamo fatto cento giri con i due piloti ma molto meno della metà sono stati davvero significativi per valutare la prestazione della F2012 su questo tracciato. Non sono emersi problemi di affidabilità, il che è sempre positivo. Dovremo essere perfetti per avere della chance, perché alcune vetture che sono più veloci di noi. Non sarà facile ma ce la metteremo tutta, come sempre".

Via | Ferrari.com
Foto | © TM News

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: