Formula 1, Alonso condiziona il mercato piloti

al-fer

Quando il Campionato si avvia a conclusione, cominciano ad intensificarsi i ragionamenti sugli scenari futuri che potrebbero derivare dalle manovre di mercato. Al centro di tutto c'è quel Fernando Alonso in aperta diatriba con la sua scuderia, la McLaren Mercedes. Il rapporto con Woking si è acutizzato dopo la triste vicenda della Spy Story, lasciando strascichi polemici che hanno pesantemente inficiato il rapporto di fiducia. Anche se il contratto dello spagnolo è valido fino al 2009, non è da escludere un cambio di rotta.

Alonso non tollera infatti le simpatie del team per Hamilton, mentre la squadra non digerisce un pilota sempre scontento, capace di creare indesiderate tensioni. In caso di abbandono (ipotesi per niente astratta) l’asturiano potrebbe finire alla Ferrari al posto di Massa, per il quale si aprirebbero le porte della Toyota. Questo, almeno, ipotizza il giornale inglese Daily Mail. Ma le sorti del brasiliano sono legate a quelle di Nicholas Todt, quindi a quelle dell’amministratore delegato di Maranello. Se questo dovesse lasciare la squadra a fine anno, la posizione di Massa si indebolirebbe, agevolando l’operazione.

Ma la McLaren, per cedere il Campione del Mondo in carica, chiederebbe una maxi-penale, con la quale rivalersi del costoso salasso derivante dalla sentenza Fia giunta dopo il procedimento avviato dalla Ferrari. L’altra ipotesi sul tavolo è quella di un passaggio di Alonso alla Renault, dove si è in attesa della decisione dello spagnolo. Ecco allora spiegate le ragioni della dichiarazione del manager di Giancarlo Fisichella, che attende da Briatore notizie sul suo assistito.

Resta un ultimo interrogativo: se le cose stessero realmente così, con chi verrebbe sostituito Alonso in McLaren? Pare con Nico Rosberg o Jenson Button. Staremo a vedere. Ma ormai è chiaro che, in questo scorcio di stagione, il totomercato è destinato a impazzare.

Via | Gazzetta.it

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: