Fia WEC: vittoria da incorniciare per la Toyota a San Paolo

Grandi gioie per la Toyota nella 6 Ore di San Paolo, quinta tappa stagionale del FIA World Endurance Championship. La casa nipponica, al terzo tentativo, ha vinto in modo deciso in Brasile la sua prima gara nella serie, con Alexander Wurz e Nicolas Lapierre al volante di una TS030 Hybrid molto gentile in termini di consumo di gomme e carburante.

I due hanno messo il loro bolide davanti all'Audi R18 e-tron di Fassler, Lotterer e Treluyer, che hanno preceduto un'altra creatura dei "quattro anelli", la R18 Ultra di Kristensen, McNish e Di Grassi, costretti a ridimensionare le loro ambizioni della vigilia.

Portata in pole da Wurz, la Toyota è scattata bene, guadagnando subito un passo che l'ha portata alla gloria. Queste per parole al traguardo del pilota austriaco: "E' stata una vittoria frutto di un enorme lavoro di tutta la squadra Toyota Racing. Sono molto fiero per loro. Complimenti a Nicolas, anche lui perfetto".

Primato fra le LMP1 private per la Lola-Toyota di Rebellion Racing, giunta a ridosso dei prototipi ufficiali con Prost e Jani al volante. La gloria in LMP2 è andata all'HPD-ARX03b "Starworks Motorsport" di Sarrazin, Dalziel e Potolicchio, mentre in GTE Pro ha prevalso la Ferrari 458 Italia di Bruni e Fisichella, che tenuto alta la bandiera di AF Corse. Due Corvette Larbre Compétition si sono piazzate nelle posizioni al vertice della GTE Am.

6 Ore San Paolo, classifica finale

01 - Wurz-Lapierre (Toyota TS030 Hybrid) - Toyota - 247 giri in 6.01'08"356
02 - Fassler-Lotterer-Treluyer (Audi R18 e-tron) - Audi – 1'00"778
03 - Kristensen-McNish-Di Grassi (Audi R18 ultra) - Audi - 1'14"679
04 - Prost-Jani (Lola B12/60-Toyota) - Rebellion – 5 giri
05 - Leventis-Watts-Kane (HPD ARX03a-Honda) - Strakka – 7 giri
06 - Belicchi-Primat (Lola B12/60-Toyota) - Rebellion - 7 giri
07 - Potolicchio-Dalziel-Sarrazin (HPD ARX03b-Hodna) - Starworks - 13 giri
08 - Perez Companc-Minassian-Kaffer (Oreca 03-Nissan) - Pecom – 16 giri
09 - Brabham-Chandhok-Dumbreck (HPD ARX03a-Honda) - JRM – 17 giri
10 - Nicolet-Lahaye-Pla (Morgan-Nissan) - OAK – 17 giri
11 - Zugel-Gonzalez-Julian (Zytek Z11SN-Nissan) - Greaves – 18 giri
12 - Martin-Charouz-Graves (Oreca 03-Nissan) - ADR Delta – 19 giri
13 - Liuzzi-Rossiter-Weeda (Lola B12/80 coupè-Lotus) - Lotus – 19 giri
14 - Panciatici-Ragues-Rusinov (Oreca 03-Nissan) - Signatech – 20 giri
15 - Holzer-Schultis-Moro (Lola B12/80-Lotus) - Lotus – 21 giri
16 - Fisichella-Bruni (Ferrari 458) - AF Corse – 26 giri
17 - Mucke-Turner (Aston Martin Vantage) - Aston Martin – 27 giri
18 - Lieb-Lietz (Porsche 997) - Felbermayr Proton – 27 giri
19 - Bertolini-Beretta (Ferrari 458) - AF Corse – 28 giri
20 - Bornhauser-Canal-Rees (Corvette C6) - Larbre - 31 giri
21 - Ried-Roda-Ruberti (Porsche 997) - Felbermayr Proton – 34 giri
22 - Belloc-Bourret-Gibon (Corvette C6) - Larbre – 36 giri
23 - Longo-Negrao-Bernoldi (Ferrari 458) - AF Corse - 37 giri
24 - Camathias-Palttala-Daniels (Porsche 997) - JWA – 52 giri
25 - Giroix-Ihara-Deletraz (Lola B12/80 coupé-Nissan) - GRME – 53 giri

Via | Lemanslive.com

  • shares
  • Mail