GP Giappone F1: le qualifiche viste dalla Ferrari

Non sono andate nel verso giusto per la Ferrari le prove di qualificazione del Gran Premio del Giappone di Formula 1, che andrà in scena domani sulla pista di Suzuka. A dominare le qualifiche sono state le Red Bull, con Sebastian Vettel davanti al compagno di squadra Mark Webber. Terzo posto per la McLaren di Jenson Button, che scivolerà cinque posti più indietro in griglia per la sostituzione del cambio alla sua monoposto.

I due interpreti del "cavallino rampante" non sono riusciti ad andare oltre la quarta e sesta fila, con il settimo crono di Fernando Alonso e l'undicesimo di Felipe Massa. Il risultato non è certo esaltante per le "rosse", ma Stefano Domenicali dice che la sfortuna ci ha messo lo zampino: "Certamente non possiamo dire che la dea bendata oggi ci sia stata amica! Le bandiere gialle hanno impedito a Fernando di centrare un posto nelle prime due file: fa parte del gioco ma ciò non cancella l’amarezza, almeno a caldo. C'è rammarico, perché nessuna delle due posizioni ottenute rispecchia il nostro potenziale". Gli fa eco Pat Fry: "E' uno di quei giorni in cui sembra andare tutto per il verso sbagliato".

Anche Alonso la pensa allo stesso modo: "Che posso dire, se non prendermela con la sfortuna? Le bandiere gialle sono arrivate proprio nel momento sbagliato, quando stavo approcciando la curva 14. Fino a quel punto, il mio giro era ottimo e c'erano tutte le possibilità di ottenere il quarto tempo della giornata che poi si sarebbe tradotto in una terza posizione in griglia. Partendo da lì la gara avrebbe potuto assumere tutt’altri contorni ma dobbiamo accettare come sono andate le cose. Se oggi siamo stati sfortunati magari saremo fortunati domani! Il nostro passo di gara, solitamente, è migliore di quello delle prove".

Ecco il resoconto di Massa: "Sono molto dispiaciuto per l'esito di questa qualifica. Fino al secondo tentativo in Q2 tutto era andato bene: sentivo la macchina molto veloce ed ero contento del suo bilanciamento. Improvvisamente, una volta montato un nuovo treno di gomme Soft, ho perso aderenza sull’anteriore sin dalla prima curva e non l’ho più trovata per tutto il giro. Essere poi usciti da Q3 per soli ventuno millesimi rappresenta un’ulteriore beffa. E’ molto frustrante non riuscire a raccogliere risultati quando sai di poter contare su una buona macchina. Certo non sarà facile recuperare posizioni su una pista come questa ma ce la metteremo tutta per riuscirci e per portare a casa dei punti importanti".

Via | Ferrari.com
Foto | © TM News

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: