Rivoluzione in Ferrari: Todt lascia, arriva Stefano Domenicali

Domenicali si prepara a prendere il posto Jean Todt"La nuova struttura della GeS
Maranello, 12 novembre 2007 - La Ferrari comunica che, a partire dal prossimo 1° gennaio, Stefano Domenicali assumerà il ruolo di Direttore della Gestione Sportiva, incarico attualmente affidato ad interim a Jean Todt.
La struttura sarà la seguente:
- Direzione Operazioni, di cui sarà responsabile Mario Almondo
- Direzione Tecnica, affidata ad Aldo Costa
- Direzione Motori, con a capo Gilles Simon
Entro la fine del 2007 saranno resi noti i dettagli organizzativi."

E' con questo breve e sintetico comunicato che la Ferrari ha annunciato il suo colpo di scena di questo inverno.
Una notizia che in fondo non arriva del tutto inattesa quella del passaggio di consegne di Jean Todt, ma che a molti era sembrato ormai certo sarebbe avvenuta non prima del 2009.
Invece la Ferrari ha comunicato che dal 1° gennaio Jean Todt lascia la guida della Gestione Sportiva (Ges), ovvero la responsabilità delle attività del Cavallino in Formula1 e nelle categorie minori ed al suo posto arriverà Stefano Domenicali.

Domenicali, giovane tecnico romagnolo che da molti anni è il delfino di Todt, seguirà così il lavoro quotidiano nello sviluppo della Formula 1, una vera e propria azienda nell'azienda.
Il manager francese in ogni caso non abbandona la Ferrari: non sarà più sui circuiti ad ogni Gran Premio ma conserva la carica di amministratore delegato e direttore generale.

Il passo indietro di Todt, dato per probabile fino ad alcuni mesi fa, era sembrato non più così sicuro dopo che il presidente Luca di Montezemolo aveva parlato di "grande continuità nel team 2008", con una dichiarazione resa al Mugello durante la grande festa per la vittoria nel mondiale.
Ora il comunicato Ferrari conferma invece che va avanti il processo di ricambio nella Scuderia più famosa del mondo.
Processo avviato un anno fa con l'uscita di Michael Schumacher e del direttore sportivo Ross Brawn e inziato con l'arrivo di Kimi Raikkonen e l'ascesa di alcuni giovani dirigenti Ferrari.
Tra i quali è spiccato lo stesso Domenicali, Mario Almondo (che ora avrà la direzione Operazioni), Aldo Costa (direttore tecnico) e Gilles Simon (direttore motori). Il comunicato di Maranello specifica che "entro la fine del 2007 saranno resi noti i dettagli organizzativi". Ma le basi sono queste e si tratta già di una bella rivoluzione: non dimentichiamo che Todt lascia la Ges con un palmarès fatto di 13 titoli mondiali, tra piloti e costruttori.

Via | Quattroruote

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: