F1, Hill attribuisce a Vettel il 65% delle possibilità iridate

Nel Gran Premio del Brasile di Formula 1, tappa conclusiva della stagione agonistica 2012, si conoscerà il nome del nuovo campione del mondo della specialità. A Sebastian Vettel basterà un quarto posto ad Interlagos per vincere il titolo, mentre la pratica sarà molto più difficile per Fernando Alonso, suo diretto rivale nella corsa iridata.

Il pilota spagnolo della Ferrari, per farcela, dovrà aggiudicarsi la gara e sperare che l’asso della Red Bull giunga quinto o ancora peggio. Con i risultati raccolti in tempi recenti dal tedesco, spodestarlo dal vertice sarà un’impresa davvero ardua. Damon Hill, però, mette in guardia gli uomini di Milton Keynes, sottolineando come Alonso sia in grado di produrre risultati oltre l’incredibile.

Ecco la riflessione del driver britannico, campione del mondo nel 1996: “Se avesse avuto qualsiasi altro avversario, oggi direi con assoluta certezza che il titolo finirà a Sebastian, in virtù dei tredici punti di vantaggio sul diretto inseguitore, ma non si può ignorare uno come Fernando. Lui è un pilota intelligente e duro. E’ in grado di tirare fuori sempre qualcosa di straordinario. Tutto è possibile in Brasile. Se dovessi dare dei numeri, direi che le probabilità vanno al 65% a Vettel”.

In caso di trionfo, il tedesco questo potrà contare su tre successi mondiali ad appena 25 anni. Di questo passo, raggiungere il record di Schumacher potrebbe diventare possibile, come sottolinea lo stesso Hill: “Il traguardo è ancora molto lontano, ma la possibilità c’è, anche se remota. In ogni caso può avvicinarsi a quel numero”.

Via | Planet-f1.com

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: