GP Brasile F1, Alonso pronto alla sfida di Interlagos

La seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile di Formula 1 si è chiusa con il miglior tempo di Lewis Hamilton, che ha messo la sua McLaren davanti alle Red Bull di Sebastian Vettel e Mark Webber. Poi le Ferrari di Felipe Massa e Fernando Alonso, quarto e quinto al termine della giornata di ieri.

Il pilota spagnolo del "cavallino rampante" ha dovuto fare i conti con un set-up della vettura che non lo ha soddisfatto del tutto, ma c'è tempo per risolvere il problema. Alonso farà del suo meglio nelle qualifiche di oggi, sperando che in gara si compiano quelle felici coincidenze per puntare al titolo, in una lotta dove Vettel parte con i favori del pronostico. A mischiare le carte potrebbe pensarci la pioggia, prevista intensamente per domenica.

Qualora le cose andassero effettivamente in questo modo, per il ferrarista potrebbero aprirsi nuove opportunità, ma sarà importante scattare da una posizione in griglia che eviti i rischi di un avvio nel gruppo. Presto sapremo come andrà a finire. Nell'attesa, riportiamo le considerazioni fatte da Alonso dopo il confronto di ieri: "Non abbiamo ancora trovato il bilanciamento ideale della vettura quindi resta molto lavoro da fare insieme agli ingegneri in vista del prosieguo del fine settimana. Si prevedono condizioni molto diverse fra il sabato e la domenica, un motivo in più per concentrarci sulle scelte migliori per preparare la monoposto per le qualifiche ma, soprattutto, per la gara. Dopo tanti venerdì non è che ci possano essere delle grandi novità di cui parlare in merito agli pneumatici: le Hard appaiono più costanti, le Medium più veloci sul tempo sul giro".

"Difficile dire -aggiunge Alonso- se preferiamo pioggia o asciutto: come ho già detto prima, è fondamentale essere preparati ad affrontare entrambe le situazioni. Sappiamo che dobbiamo fare 14 punti più di Vettel per il Campionato e non perderne altrettanti rispetto alla McLaren per mantenere il secondo posto nella classifica Costruttori: obbiettivi chiari ma certamente difficili da raggiungere".

Via | Ferrari.com
Foto | © TM News

  • shares
  • Mail