Ferrari, Alonso spera di avere una monoposto migliore nel 2013

Con la stagione 2012 ormai alle spalle è tempo di bilanci nel mondo della Formula 1. Fernando Alonso non si sottrae al rito e racconta il campionato appena messo in archivio, dove lo spagnolo ha conquistato il secondo posto in classifica conduttori, a tre punti da Sebastian Vettel.

Il pilota di punta del “cavallino rampante” ha parlato in occasione delle Finali Mondiali Ferrari di Valencia, dove è stato abbracciato con il consueto affetto dal pubblico di casa. Qui l’asturiano si è espresso ad ampio raggio, mettendo in luce le emozioni ma anche i problemi vissuti nell’arco della stagione: “Ci siamo messi alle spalle un anno spettacolare, difficile da dimenticare, con momenti molto belli come le vittorie a Valencia e in Malesia. Purtroppo abbiamo mancato l’obiettivo iridato. L’anno prossimo? Spero di segnare tre o quattro punti in più”. Tradotto nel linguaggio di tutti i giorni significa: punto al titolo.

Alonso ha parole di elogio per la squadra di Maranello, anche se non evita di mettere in luce il vero problema del 2012, rappresentato da una macchina inferiore alle aspettative: “Siamo tutti d'accordo nel ritenere che l'unica cosa che mancava era la macchina, non in grado di competere al vertice per la maggior parte dell’anno. E’ l'unica cosa che dobbiamo migliorare, ma è anche vero che è la cosa più difficile da fare”. Infatti!

Gli uomini del team, però, hanno svolto un grande lavoro per consentire di sfruttare al meglio il materiale a disposizione: “Con tutte le difficoltà vissute, sto pensando ad esempio a come eravamo indietro nei test invernali, lottare fino all'ultimo per il titolo ha confermato la nostra natura di grande team”. Un applauso, in questo quadro, lo merita proprio Alonso, che è stato un valore aggiunto formidabile per coprire le lacune dell’auto. L’anno prossimo, se la Ferrari gli fornirà un mezzo migliore, gli altri avranno molte gatte da pelare!

Via | Planet-f1.com
Foto | © TM News

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: