Raikkonen: "la Ferrari? Con lei fino al mio ritiro"

Raikkonen e la Ferrari: insieme per sempreSe il suo rivale dell'anno passato Hamilton ha già parlato di rinnovo fino al 2012, Kimi Raikkonen ha già fatto di più anche questa volta: parlando su Marca oltre ad aver raccontanto alcune cose interessanti sulla stagione 2008, Kimi ha infatti dichiarato tutto il suo amore per il Team di Maranello, tanto che "succeda quel che succeda sarà questo il mio ultimo team di F1".

Insomma ormai Kimi continua a stupire nel suo processo di "italianizzazione" e le sue interviste diventano sempre più interessanti e loquaci. Come dimostra quella pubblciata sulla Gazzetta di ieri, dove il campione del mondo ha parlato un po' di tutto. A cominciare dei risultati di questi primi test:

Sono molto contento del lavoro svolto sinora. La macchina è ottima, abbiamo cominciato alla grande, ma manca ancora tanto all’inizio del campionato”.

E poi come detto in apertura del futuro, che fino a quando sarà in Formula1 sarà in rosso: “Non so per quanti anni correrò. Per ora continuo a divertirmi. Quando finirà il mio contratto con la Ferrari avrò 30 anni e sarà il momento di decidere se continuare o meno. L’unica certezza è che un giorno sentirò il bisogno di fare cose diverse, e cambierò. Mi piacciono i rally, vorrei correrne qualcuno. In Ferrari sto benissimo, ho ancora questa stagione e la prossima e non ho alcuna intenzione di andar via. Succeda quel che succeda, questa sarà la mia ultima squadra di Formula Uno”.

Kimi poi non ha nascosto la sua voglia di un confronto alla pari con Alonso, che lui forse ritiene essere il suo unico vero rivale: “Mi piacerebbe avere in squadra Fernando, perché finché non guidi la stessa macchina non puoi sapere davvero chi è il migliore. Non so se Alonso può vincere quest’anno, dipende dalla macchina. Certo è che se gli danno una buona macchina sarà molto difficile batterlo e nel caso diventerà un altro dei candidati alla vittoria finale con le McLaren e la BMW, se, come nel caso della Renault, riescono a fare una buona macchina”.

Poi una pensiero sul suo connazionale Kovalainen, la sorpresa? “Si, senz’altro. In realtà se dovesse far bene per me non sarebbe nemmeno una sorpresa. Se gli danno una bella macchina farà un gran campionato anche se non so se riuscirà ad essere veloce come Hamilton, lo potremo dire solo dopo le prime tre gare”.

Prima di chiudere Raikkonen non ha perso anche occasione di scherzare sul volante della Ferrari, che con i suoi 23 bottoni già l'anno scorso lo aveva mandato un poco in crisi all'inizio e che alla domanda se davvero sa a cosa servono tutti quanti ha risposto ridendo: “Direi di si, più o meno… E’ vero però che ce ne sono alcuni che usi una volta all’anno. Diciamo che s’imparano a usare i principali, poi gli altri ti spiegano cosa farci quando servono, nel momento adeguato. Comunque è più facile il volante di quest’anno che quello dell’anno passato”.

via | Gazzetta

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: