F1, Glock pensa che l'inesperienza potrebbe costare alla Marussia

Dopo il divorzio dalla Marussia, per Timo Glock si sono aperte le porte del DTM, anche se il suo sogno resta la Formula 1. Il pilota tedesco, ormai concentrato sulla nuova avventura, non si priva di qualche riflessione sull'ex squadra. Lui è convinto che il più grande ostacolo per la Marussia in questa stagione potrebbe essere rappresentato dalla line-up composta unicamente da rookie.

Esigenze di tipo finanziario hanno infatti imposto l’abbinamento di Luiz Razia con Max Chilton, facendone l’unica formazione in griglia con due piloti senza troppa esperienza. Ecco, a tal proposito, il parere espresso da Glock sulle pagine di Autosport: “Sicuramente non sarà facile per loro, soprattutto in fase di test, quando è necessario prendere le decisioni giuste in relazione all'individuazione dei punti deboli della macchina. Questa sensibilità viene solo dall’esperienza”.

In questo momento –prosegue Glock- c’è molta pressione su Luiz e Max, per far crescere la monoposto nel modo più rapido possibile. Questa è la parte critica, perché è una fase molto importante, per certi versi decisiva. Io non ho rancori, perché mi rendo conto che la squadra aveva bisogno di assicurarsi un futuro con congrue risorse finanziarie. Per i team più piccoli avere dei piloti con la valigia è spesso una necessità”.

Via | Planet-f1.com
Foto | Getty Images (tutti i diritti riservati)

  • shares
  • Mail