F1, i test di Barcellona nella prospettiva Pirelli

Ormai poche ore ci separano dall'inizio dei test di Barcellona, che andranno in scena sul Circuit de Catalunya. Qui i team di Formula 1 scenderanno in pista per una sessione di quattro giorni, come accaduto in precedenza a Jerez de la Frontera. La sede destinata ad ospitare le nuove prove è ideale, soprattutto per le temperature miti che caratterizzano la regione.

Il layout del circuito è inoltre utile nell'ottica dello sviluppo, perché mette sotto pressione le prestazioni delle monomposto e degli pneumatici. La storia dimostra che se una vettura è veloce a Barcellona può esserlo nella maggior parte dei circuiti: questo è quanto la squadre cercheranno di stabilire nei prossimi quattro giorni.

Ecco le dichiarazioni di Paul Hembery (direttore Motorsport Pirelli), in vista degli appuntamenti all'orizzonte: "A Barcellona i team avranno a disposizione l’intera gamma di P Zero 2013 per le loro nuove vetture. Essendo un circuito ben noto, le squadre saranno agevolate nel lavoro di comprensione e di analisi dell’interazione tra le nuove monoposto e la nostra ultima generazione di pneumatici che, rispetto allo scorso anno, sono generalmente più morbidi, più veloci e con un degrado volutamente maggiore. Il fattore limitante nei test di Jerez, a inizio mese, è stata l’eccessiva abrasività della pista, quindi ci auguriamo che questa volta le condizioni possano essere più rappresentative. Ma c’è sempre la possibilità di avere basse temperature ambientali: l’anno scorso, ad esempio, abbiamo visto del ghiaccio in pista al mattino…". Come andrà quest'anno?

Via | Pirelli.com

  • shares
  • Mail