Civm, un'attrazione sempre più forte sui giovani

E' sempre più forte l'attrazione esercitata sui giovani dal Campionato Italiano Velocità Montagna. Alcuni nomi si sono messi in evidenza nella passata stagione. Ora sono pronti a sfidarsi, non solo per il Trofeo under 25, ma con lo sguardo puntato al titolo ed ai successi in gara.

Samuele Cassiba difenderà il suo primato fra i giovani quasi certamente su un prototipo della classe regina. Il simpatico driver siciliano dopo due stagioni sulla monoposto Tatuus F. Master, adesso vuole una vettura più prestante con la quale mirare alla vetta del gruppo. La scelta sembra orientata su una sport al vertice.

In cerca di riscatto dopo una stagione non troppo fortunata sarà un altro figlio d'arte siciliano, il trapanese di Marsala Francesco Conticelli, che però ha riconfermato fiducia nell'ottima Osella PA 21/S Honda EVO. Una vettura con la quale il 21enne ha dimostrato di saper ben comportarsi, sapendo usarne l'alto potenziale.

Dall'Umbria arriva ben ricaricato Michele Fattorini, anche lui figlio d'arte, che non ha avuto il benchè minimo timore reverenziale verso la più accreditata concorrenza, mettendosi in primo piano sia con la monoposto di F.3000, sia con la biposto Radical di classe 3000. Il giovane orvietano vorrebbe ripetere l'assalto al tricolore con la potente monoposto preparata da papà Fabrizio.

Più che figlio è conosciuto per essere nipote d'arte il 20enne Domenico Scola, che nel 2012 si è permesso il lusso di vincere delle gare contro una ben accreditata concorrenza con l'Osella PA 21/S Honda di gruppo E2/B. Il driver cosentino di Rende ha nel nonno "Mimì" il principale punto di riferimento. Nel programma 2013 si delinea sempre più una vettura più potente per puntare alla vetta del campionato, magari una prototipo monoposto.

Via | Acisportitalia.it

  • shares
  • Mail