GP Australia F1 2013 vince Raikkonen davanti alla Ferrari di Alonso e alla Red Bull di Vettel

gp australia melbourne 2013

Kimi Raikkonen vince il Gran Premio d'Australia di Formula 1, assicurandosi la gloria nella prima tappa della stagione agonistica 2013. Il pilota finlandese della Lotus riassapora l'emozione del gradino più alto del podio, dopo aver tagliato la linea del traguardo davanti alla Ferrari di Fernando Alonso, giunto alle sue spalle con una F138 in buona forma. Terzo posto per Sebastian Vettel, che mette la Red Bull davanti alle monoposto di Felipe Massa, Lewis Hamilton e Mark Webber. Poi Sutil, di Resta, Button e Grosjean, ultimi della top ten. Ma andiamo alla cronaca della gara.

Al via le Ferrari si rendono protagoniste di una splendida partenza, conquistando il secondo e terzo posto in classifica, con Massa davanti ad Alonso. Il comando resta nelle mani di Vettel, mentre lo spagnolo del “cavallino rampante” prova, senza successo, ad attaccare il compagno di squadra brasiliano. Dietro di loro si insedia Raikkonen, che passa presto Hamilton. Poi Rosberg e Webber, autore di un pessimo scatto iniziale.

gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013

Al settimo giro, Vettel rientra ai box per il primo pit stop, lasciando alle “rosse” il primato provvisorio di classifica. La corsa si annuncia interessante, ma ci sono ancora molti giri da percorrere, quindi ogni pronostico potrebbe risultare azzardato. Ad una tornata dalla sosta del campione del mondo in carica, anche Massa fa il suo cambio gomme.

Il paulista rientra alle spalle dell’interprete di punta delle “lattine volanti”, quindi sfuma il sogno di un sorpasso, coltivato dai tifosi della scuderia di Maranello. Al nono giro anche Alonso si ferma per cambiare le gomme, seguito da Raikkonen. Le due Mercedes si portano in testa, ma devono ancora sostituire gli pneumatici. Forse cercheranno di fare una sosta in meno dei rivali, ma bisognerà vedere.

Hamilton rientra al tredicesimo giro, seguito da Rosberg al passaggio successivo. Sutil guadagna il comando delle danze, ma l’emozione non sembra destinata a durare a lungo. Dietro di lui ci sono Vettel, Massa e Alonso. Poi Raikkonen, seguito da Hamilton e Rosberg. La situazione è cristallizzata al momento. Per tentare di rimescolare le carte, Alonso fa un nuovo pit stop al ventesimo giro, con un intervento molto rapido dai parte dei meccanici del “cavallino rampante”.

Quando si fermano Sutil e Vettel, lo spagnolo mette la Ferrari davanti alle loro monoposto. Massa guadagna la leadership provvisoria, ma deve ancora cambiare le gomme. La manovra viene eseguita al ventitreesimo passaggio. A quel punto Vettel si trova già davanti a Sutil, grazie a un bel sorpasso. Il brasiliano di Maranello rientra alle loro spalle. Al comando c’è Raikkonen, seguito dalle due Mercedes. Poi Alonso, quarto nella lista dei tempi. Un problema alla W04 di Rosberg consente al ferrarista di guadagnare la terza posizione, seguito ancora da Sutil e Vettel. Intanto, arriva qualche goccia di pioggia. La cosa non sembra preoccupante, ma non si può mai sapere.

Quando il contatore della gara segna quota trenta giri, Alonso supera Hamilton, portandosi in piazza d’onore. L’asturiano passa poco dopo al comando, grazie al cambio gomme di Raikkonen. Poi è il turno di Massa, in corsia box nei minuti successivi. Interessanti le dinamiche agonistiche viste fino a questo punto, ma molto potrebbe ancora succedere. Alle spalle del leader ci sono Sutil e Vettel. Alonso si ferma per l’ultima volta a tredici giri dalla fine, rientrando davanti a Vettel ma dietro Raikkonen e Sutil, che supera al quarantacinquesimo giro. Si annuncia un finale incandescente.

In testa c’è il finlandese della Lotus, che assapora il gusto della vittoria, ma non è così scontato che ci riesca. Sutil, intanto, torna ai box, e cede alcune posizioni. Al terzo posto passa Vettel, seguito da Massa. La geografia al comando resta invariata fino alla bandiera a sacchi. Vince Raikkonen, che guadagna il primo sigillo della stagione agonistica 2013. Dietro di lui, al traguardo, altri due campioni del mondo: Alonso e Vettel. Niente male, vero?

GP Australia F1 2013, ordine d'arrivo

01. Raikkonen Lotus-Renault 1h 30'03"225
02. Alonso Ferrari + 12"451
03. Vettel Red Bull-Renault + 22"346
04. Massa Ferrari + 33"577
05. Hamilton Mercedes + 45"561
06. Webber Red Bull-Renault + 46"800
07. Sutil Force India-Mercedes + 1'05"068
08. Di Resta Force India-Mercedes + 1'08"449
09. Button McLaren-Mercedes + 1'21"630
10. Grosjean Lotus-Renault + 1'22"759
11. Perez McLaren-Mercedes + 1'23"367
12. Vergne Toro Rosso-Ferrari + 1'23"857
13. Gutierrez Sauber-Ferrari + 1 giro
14. Bottas Williams-Renault + 1 giro
15. Bianchi Marussia-Cosworth + 1 giro
16. Pic Caterham-Renault + 2 giri
17. Chilton Marussia-Cosworth + 2 giri
18. van der Garde Caterham-Renault + 2 giri

Classifica Piloti

01. Kimi Räikkönen (Lotus) 25 punti
02. Fernando Alonso (Ferrari) 18
03. Sebastian Vettel (Red Bull) 15
04. Felipe Massa (Ferrari) 12
05. Lewis Hamilton (Mercedes) 10
06. Mark Webber (Red Bull) 8
07. Adrian Sutil (Force India) 6
08. Paul Di Resta (Force India) 4
09. Jenson Button (McLaren) 2
10. Romain Grosjean (Lotus) 1
11. Esteban Gutiérrez (Sauber) 0
12. Charles Pic (Caterham) 0
13. Jean-Éric Vergne (Toro Rosso) 0
14. Giedo van der Garde (Caterham) 0
15. Sergio Pérez (McLaren) 0
16. Jules Bianchi (Marussia) 0
17. Max Chilton (Marussia) 0
18. Valtteri Bottas (Williams) 0

Classifica Costruttori

01. Ferrari 30 punti
02. Lotus 26
03. Red Bull 23
04. Force India 10
05. Mercedes 10
06. McLaren 2
07. Caterham 0
08. Toro Rosso 0
09. Sauber 0
10. Williams 0
11. Marussia 0

gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013
gp australia melbourne 2013

Foto | Getty Images (tutti i diritti riservati)

  • shares
  • Mail
33 commenti Aggiorna
Ordina: