GP Bahrain F1 2013: il commento di Vettel e Perez

Sebastian Vettel riconosce la superiorità di Ferrari e Lotus, pur augurandosi una qualifica combattuta. Fondamentale per lui gestire le gomme. Deluso invece Sergio Perez, al volante di una McLaren ampiamente rivedibile.

sebastian_vettel

Sebastian Vettel si augura una Red Bull in forma per il week end di Sakhir, consapevole del potenziale fin qui mostrato da Ferrari e Lotus. “Siamo vicini alle monoposto più veloci – ha commentato il 25enne tedesco –. Ferrari ha viaggiato decisamente veloce, e così Lotus. Mercedes? Probabilmente sono in leggero ritardo. Tuttavia siamo ancora nelle prove libere” e quindi i valori potrebbero non essere ancora emersi. “E’ comunque necessario sfruttare le gomme con estrema accortezza – ha proseguito Vettel, intervistato da Motorsport –. In ogni caso domani saremo fra i primi”.

Il campione del mondo si è poi soffermato a parlare delle prove odierne. “Non sono soddisfatto – il commento di Vettel –. Ho dovuto faticare molto per compiere un giro veloce. Le gomme non mi hanno assistito e non ho saputo utilizzare i pneumatici nuovi come invece avrei dovuto. Le simulazioni di long run si sono invece rivelate decisamente più soddisfacenti. In ogni caso la macchina è veloce, e dovremo quindi essere capaci a sfruttarla nel modo opportuno”. Di tutt’altro umore Sergio Pezer, al volante di una McLaren lenta ed impacciata.

“Penso che sarà un week end estremamente complicato – ha spiegato il 23enne messicano –. La situazione non cambierebbe nemmeno se trovassi qualche centesimo, tant’è che sarei già soddisfatto se entrassimo in Q3 e conquistassimo qualche punto”. Il compagno di scuderia è concorde. Jenson Button ha infatti ammesso che il GP del Bahrain giunge nel peggior momento possibile per il team di Woking.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail