Hamilton: "In Canada avevo la gara in pugno"

lewis hamilton

Lewis Hamilton non finisce mai di stupire, con delle dichiarazioni che lasciano l'amaro in bocca. Il pilota britannico respinge le osservazioni fatte da Kimi Raikkonen che, dal suo sito internet, aveva espresso serie perplessità sull'ipotesi che il rivale della McLaren non si fosse accorto della sua posizione statica alla fine della pit line, prima del famoso tamponamento di Montreal.

Parlando di quanto accuduto in Canada, l'alfiere del team di Woking ne sminuisce la portata: "Non è stato assolutamente il mio punto più basso. Non mi sento neanche particolarmente giù. Ormai l'incidente fa parte del passato e l'ho già dimenticato. Avevo la gara in pugno". Le sue dichiarazioni somigliano a quelle di un marziano, che ha vissuto la gara da un pianeta remoto.

Sono lontani anni luce i tempi in cui Hamilton sembrava un ragazzo umile e modesto, con uno stile apprezzato da tutti. Oggi il suo carattere non incontra più molte simpatie, ma a lui interessano altre cose: "Vogliamo vincere il campionato del mondo, dobbiamo continuare a spingerci avanti".

Via | Gazzetta.it

  • shares
  • Mail
66 commenti Aggiorna
Ordina: