GP2 Series, grande lavoro di sviluppo per Piquet Sports

Andreas Zuber

Martedì 10 e mercoledì 11 giugno si è svolta al Paul Ricard una duplice sessione di test collettivi, a cui hanno partecipato tutte le scuderie di GP2 Series.

Per Piquet Sports si è trattato di una preziosa occasione per sviluppare ulteriormente la vettura e prepararsi al meglio per il prossimo appuntamento di Magny Cours.

Ingegneri e tecnici della scuderia di Veggiano hanno lavorato su più fronti, studiando diverse soluzioni di set up in configurazione gara, migliorando il rendimento aerodinamico, ma anche provando numerose partenze e pit stop.

Martedì si è girato con la configurazione “tradizionale” del tracciato, mentre mercoledì con la configurazione 2A, caratterizzato da curvoni veloci. In entrambi i casi il Team Piquet Sports ha concentrato il proprio lavoro sulla vettura in configurazione da gara e non da qualifica, ciò nonostante i tempi sono stati di assoluto rilievo con Maldonado e Zuber grandi protagonisti.

Andreas Zuber, # 22

Il programma di sviluppo è stato intensissimo in questi giorni, tanto che abbiamo completato circa 140 giri! Abbiamo provato molte partenze, dato che nelle prime gare non siamo quasi mai scattati al meglio, ma anche numerosi pit stop e tanto lavoro sia sulla meccanica che sulla aerodinamica. La vettura è molto veloce e ben bilanciata, perciò non posso che essere fiducioso per la gara di Magny Cours, dove conto di accumulare punti importanti per la classifica”.

Pastor Maldonado, # 23

Abbiamo lavorato sulla vettura a 360°, incluso le partenze e i pit stop. Siamo davvero soddisfatti del lavoro svolto e nella seconda giornata di test la monoposto quasi volava! Nella sessione pomeridiana dell’ultima giornata, se non avessi incontrato traffico nell’ultimo settore, avrei probabilmente fatto registrare il miglior tempo, ma abbiamo comunque centrato il nostro obiettivo. Ora non resta che aspettare la gara di Magny Cours e incrociare le dita”.

Via | Ufficio stampa

  • shares
  • Mail