Trionfo Audi a Le Mans: le dichiarazioni della squadra vincente


Con la vittoria alla 76esima edizione della 24 Ore di Le Mans Dindo Capello raggiunge quota tre trionfi sulla Sarthe, una tripletta che l'esperto piemontese dedica tutta alla squadra: "E' stata una grande gara, una gara perfetta. Sono estremamente felice ed orgoglioso di essere parte di questo team. La sola possibilità per noi di battere le più veloci Peugeot era di fare una corsa senza errori. La squadra ha fatto un lavoro incredibile. La nostra Audi non ha avuto il minimo problema. Non abbiamo perso neanche un secondo nei pit stop e così siamo riusciti a battere Peugeot. Audi ha le persone giuste per vincere anche quando non abbiamo la vettura più veloce, e lo abbiamo dimostrato".

Anche Tom Kristensen, recordman con otto trionfi a Le Mans, ringrazia il team di Ingolstadt: "Wow! Che gara. E' stata la continuazione di Allan, Dindo e me stesso dello scorso anno. Grazie ad Audi! Hanno creduto in noi. Ci hanno preparato una vettura con la quale abbiamo pututo spingere forte per 24 ore per vincere la grande resistenza di Peugeot. Abbiamo fatto una gara perfetta grazie al nostro ingegnere Howden Haynes e tutta la gente che ha lavorato dietro le quinte inclusi Ralf Juuttner e il Dr Wolfgang Ullrich. Hanno fatto le giuste chiamate in termini di scelta delle gomme sotto questa pioggia pazza. Allan finalmente ha vinto Le Mans con Audi e Dindo è un perfetto gentiluomo italiano, oltre a essere molto veloce. Spero di poter fare molte altre Le Mans insieme".

Finalmente vittorioso con Audi a Le Mans, dopo 6 partecipazioni totali con il marchio dei Quattro Anelli, anche Allan McNish sottolinea le difficoltà: "Sono contentissimo di avere finalmente vinto la Le Mans con Audi. C'ero arrivato vicino in numerose occasioni nel passato e nonostante la forte concorrenza dall'inizio alla fine, alcune delle più impegnative condizioni di guida e un tempo imprevedibile, ce l'ho finalmente fatta. I miei ringraziamenti a tutti quelli di Audi Sport e del Team Joest. Non ho preso rischi alla partenza ed ero contento di seguire le Peugeot. Ma loro hanno avuto presto dei problemi. Il circuito era molto insidioso sotto la pioggia, molto oleoso e scivoloso, come guidare sul ghiaccio. Fortunatamente la vettura aveva molto grip, ma guidare in queste condizioni per oltre tre ore ha richiesto il 100% della concentrazione perché se fai il minimo errore sei fuori gara".

Via | Audi Motorsport

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: