F1, i test 2014 potrebbero iniziare a gennaio

I test della prossima stagione agonistica di Formula 1 inizieranno nel mese di gennaio, quindi con qualche settimana di anticipo rispetto alla cadenza abituale. L’approvazione di questa impostazione è ritenuta molto probabile, addirittura dietro l’angolo.

Questo è quanto riferisce il sito di F1 Times. A determinare il cambio di passo sono stati i team, che hanno sollecitato maggior tempo a loro disposizione per poter sviluppare meglio il lavoro di collaudo delle monoposto del 2014, quando entrerà in vigore una novità regolamentare di grande portata: il passaggio alle unità motoristiche V6 sovralimentate di 1.6 litri di cilindrata.

L’arrivo dei nuovi propulsori ed altre novità tecniche in programma costringeranno le squadre e i loro progettisti ad intraprendere un percorso inedito, dagli esiti incerti. Il teatro dei test di gennaio dovrebbe essere il circuito di Jerez de la Frontera, in terra iberica, dove anche le condizioni climatiche non dovrebbero essere impervie in quel periodo dell’anno.

Ricordiamo che da alcune settimane i team di F1 chiedono più tempo per i test di preparazione al campionato venturo, per affrontare meglio il passaggio ai nuovi motori. Il regolamento attuale concede solo dodici giorni di prove prima dell'avvio delle danze, ma questi risultano insufficienti per prepararsi alla rivoluzione che si profila all’orizzonte. Ecco perché emerge la necessità di aggiungere ulteriori quattro giorni, utili ad amalgamare meglio la novità.

Così i team potranno girare più a lungo con i nuovi motori, avendo più tempo per conoscerli ed affrontare eventuali problematiche connesse all’innesto. A farsi portavoce di questo bisogno, sulle pagine di Autosport, era stato Rob White, vice amministratore delegato di Renault Sport F1: “La nostra è una proposta matura. Abbiamo bisogno di una sessione aggiuntiva, credo che sia un bisogno condiviso”.

Chiare le ragioni all’origine della richiesta, necessaria ad assecondare la necessità di approcciarsi meglio ai consistenti cambiamenti normativi previsti per il 2014. Oltre ai problemi di adattamento, i nuovi motori potrebbero aggiungerne altri per le squadre, magari cambiando la geografia dei valori.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail