Irc, Silvano Luciani vince il 21° Rally Raab

luciani, raab

E’ volato nelle mani di Silvano Luciani e Marco Piazzini il 21° Rally dell’Alto Appennino Bolognese. L’equipaggio toscano, a bordo della Peugeot 307 Wrc – Tamauto, è stato in testa alla gara per tutte le undici prove speciali, attaccando a fondo nella prima parte, disputata sabato pomeriggio, per poi controllare gli avversari nelle speciali della domenica. Luciani ha trovato in “Pucci” Grossi il rivale più agguerrito, ma il riminese ha dovuto abbandonare anzitempo la gara per la rottura del cambio sulla sua Peugeot 206 Wrc, fermandosi dopo la quinta speciale.

Dopo il ritiro di Grossi si è insediato in seconda piazza Manuel Sossella, con Alberto Contini su Peugeot 206 Wrc – Gma. Il vicentino, dopo un'errata scelta di gomme iniziale, è stato autore di una buona seconda parte di gara, segnando quattro scratch di prova, prima di incappare in una foratura nel penultimo tratto cronometrato. Inconveniente che comunque non ha compromesso la seconda posizione finale.

Chiude il podio Roberto Cresci, in coppia con Fabio Ciabatti su Peugeot 206 Wrc, autore di una gara in crescendo dopo aver ritrovato il giusto feeling con la macchina. Proprio il pilota aretino è stato autore di un’emozionante sfida con Marco Paccagnella, anche lui su Peugeot 206 Wrc: i due si sono più volte scavalcati durante la gara, con Cresci che ha avuto la meglio grazie ad un attacco deciso nel finale e Paccagnella che ha chiuso in quarta piazza. Completa la top five Peter Zanchi, con Dario D’Esposito alle note, soddisfatto di aver ottenuto il meglio dalla Subaru Impreza Wrc (Procar) versione 1999, mentre Soppa-Ursich concludono sesti sulla Toyota Corolla (Gma) al termine di una gara regolare.

Tomassini-Maugeri su Mitsubishi Lancer Evo IX si sono imposti nel Gruppo N, dove le posizioni di rincalzo si sono decise solo sull’ultima prova speciale dopo un’entusiasmante lotta fra Belli-Castiglioni e Sardelli-Marinai, con i secondi in rimonta dopo aver disputato le prime due speciali con un semiasse rotto. Di Cosimo-Inglesi concludono in ottava posizione su Abarth Grande Punto S2000, rallentati da un testacoda e dalla rottura di un semiasse nel finale di gara.

Tra le Super 1600 non è mai stata in discussione la leadership di Roberto Vellani, con Luca Amadori, bravo nello sfruttare al massimo la Renault Clio in condizioni proibitive per una due ruote motrici. Vellani ha costruito il successo nelle speciali di sabato, subendo il ritorno delle vetture 4x4 nella seconda parte del rally. Alle sue spalle in classe S1600 hanno concluso le Renault Clio di Lombardi-Urban e Acerbis-Noris. Brusori-Galliani hanno vinto il duello tra le Renault Clio R3C, mentre Santini-Boddi, con l’intramontabile Renault Clio Williams, hanno regolato il plotone delle Fuori Omologazione.

Nelle classi minori, successo in N3 per Cassarini-Menichetti (Renault Clio RS) dopo il ritiro del leader Gionata Bianchi, out per il distaccamento di una ruota sulla ps7. Venturoli-Mongiorgi su Peugeot 306 si sono imposti in A7, mentre Nocentini-Bazzani su Peugeot 106 Rallye sono gli unici arrivati della A6. Frazzani-Ingrami (Mg Zr 105) conquistano la A5, CArella-Bracchi (Peugeot 106) la N2 e Biagioli-Calamai (Fiat Seicento Kit) la K0, mentre Paola Fedi e Alice Bucci su Renault Clio RS hanno primeggiato nella classifica femminile.

Sono stati 53 gli equipaggi a tagliare il traguardo di Porretta Terme, al termine di un 21° Rally Raab che si è confermato gara affascinante e selettiva, dove le bizze del meteo hanno reso ancor più difficile da interpretare la scelta delle gomme. Oltre al già citato Grossi, tra i ritirati “illustri” figurano Giampaolo Tosi, fermo già sullo start della prima prova, Alan Scorcioni, uscito di strada nel secondo tratto cronometrato, e Claudio Sora, out per la rottura di una sospensione nel terzo crono. Fermo nel finale di gara per la rottura della frizione anche Franco Leoni.

Con la vittoria conquistata a Porretta Terme, Silvano Luciani balza al secondo posto dell’ Irc 2008, avvicinandosi a “Pucci” Grossi che rimane leader, nonostante il ritiro, grazie al punteggio di partecipazione. Al terzo posto sale Manuel Sossella, che con 105 punti precede Marco Paccagnella e Roberto Vellani. Dopo le prime tre gare, dunque, si rimescolano le carte sul tavolo del campionato, che si conferma quanto mai aperto e dà appuntamento al Rally del Casentino, in programma nel weekend del 4 e 5 luglio prossimi.

Classifica finale 21° Rally Raab

01.Luciani-Piazzini (Peugeot 307 Wrc) in 1h30’57”8
02.Sossella-Contini (Ford Focus Wrc) a 1’56”
03.Cresci-Ciabatti (Peugeot 206 Wrc) a 2’17”7
04.Paccagnella-Ferranti (Peugeot 206 Wrc) a 2’27”0
05.Zanchi-D’Esposito (Subaru Impreza Wrc) a 3’48”4
06.Soppa-Ursich (Toyota Corolla Wrc) a 5’26”8
07.Tomassini-Maugeri (Mitsubishi Lance r Evo) a 5’47”9
08.Di Cosimo-Inglesi (Abarth Grande Punto S2000) a 5’51”0
09.Belli-Castiglioni (Mitsubishi Lancer Evo) a 6’02”5
10.Sardelli-Marinai (Mitsubishi Lancer Evo) a 6’03”2

Classifica Irc:

1. Grossi punti p.130
2. Luciani p.120
3. Sossella p.105
4. Paccagnella e Vellani p.92

Via |Ufficio stampa

  • shares
  • Mail