C.I. GT: Tavano-Aguas s impongono in gara 1 a Valencia


Il 4° round stagionale del Sara GT Campionato Italiano Gran Turismo in programma all’autodromo Ricardo Tormo di Valencia ha visto il successo in gara-1 di Salvatore Tavano in coppia con il portoghese Rui Aguas (Ferrari F 430) davanti a Postiglione-Pavoni (Ferrari F 430-Easy Race) e alla Porsche 997 di Roda-Pilet (Autorlando).

La vittoria dei piloti dell’Advanced Engineering è maturata negli ultimi giri quando Aguas riusciva a portarsi al comando dopo due splendidi sorpassi su Pavoni e Perazzini. Quarti hanno concluso Frassineti-Giammaria (Ferrari F 430-GPC Sport), penalizzati dalla rottura del cambio nel penultimo giro, precedendo Moncini-Caffi (Ferrari F 430-Villorba Corse) e Lancieri-Busnelli (Ferrari F 430-Playteam Sarafree). Nella GT3 la vittoria è andata a Earle-Kessel (Ferrari F 430-Kesseel Racing), mentre nella GT Cup si sono imposti Sala-Sada (Porsche 911-Autorlando). Domani in gara-2 alle ore 12,40 saranno Busnelli-Lancieri a partire dalla pole davanti a Tavano-Aguas.

Al via era Cioci a sfruttare al meglio la pole portandosi subito al comando davanti a Postiglione, Tavano e Pilet, che nelle prime battute perdeva due posizioni. Quinto era Frassineti che precedeva Balzan, Lancieri e Moncini, mentre nella GT3, orfana di Piccini-Grassotto bloccati ai box da un problema elettrico, era De Pasquale a prendere la testa davanti a Marchetti e Sbirrazzuoli. Nella GT Cup Sada conduceva su Orsero e Cirò.

Con una andatura piuttosto sostenuta i due di testa allungavano subito su Tavano, che aveva il suo bel da fare per contenere gli attacchi di Pilet, ma il francese riusciva a passare al 10° giro dopo un “lungo” del pilota siciliano che dava via libera anche a Frassineti. Nella GT3 De Pasquale si confermava al comando mentre Marchetti si ritirava per un problema meccanico abbandonando la seconda posizione a favore di Kessel. Nella GT Cup Cirò superava Orsero portandosi alle spalle del leader Sala.

Con i cambi pilota arrivavano anche i primi colpi di scena con Pavoni, succeduto a Postiglione, che all’uscita dei box si ritrovava al comando davanti a Roda, che aveva preso il volante da Pilet. Il portacolori dell’Autorlando a causa delle gomme non in temperatura non riusciva a mantenere la posizione cedendo a Perazzini, Aguas e Giammaria. Cambio al vertice anche nella GT3 dove Sangiuolo, subentrato a De Pasquale, doveva scontare uno stop & go per partenza anticipata in occasione della sosta ai box, lasciando il comando della classe a Earle, succeduto a Kessel. Conferma, invece, nella GT Cup dove Sala precedeva Necchi, subentrato a Cirò.

Al 22° giro ancora duelli nelle prime posizioni. Perazzini rompeva gli indugi e passava Pavoni, portandosi al comando, ma il pilota dell’Easy Race doveva cedere anche ad Aguas e Giammaria. Quinto era Roda che precedeva Mugelli, Caffi e Busnelli, quest’ultimi attardati in occasione del cambio pilota per scontare la penalizzazione prevista dal regolamento sulla base dei risultati dell’ultima gara di Magione. La leadership di Perazzini, però, durava una sola tornata. Al giro successivo, infatti, Aguas aveva la meglio sul veronese, che doveva cedere anche la seconda posizione ad uno scatenato Giammaria.

Con Aguas e Giammaria nelle prime due posizioni, la gara si faceva ancora più accesa. Il portacolori della GPC Sport tentava in più occasioni il sorpasso, ma il pilota portoghese riusciva sempre a difendere la sua leadership. Ma l’ennesimo colpo di scena arrivava nelle battute conclusive quando la gomma anteriore destra di Perazzini cominciava a cedere in seguito ai diversi contatti avuti in precedenza, costringendolo a rallentare l’andatura e dare via libera a Pavoni e Roda.

Con il traguardo ormai in vista, arrivava l’ultimo colpo di scena con Giammaria che scivolava in quarta posizione per il bloccaggio del cambio in quarta marcia. Sotto alla bandiera a scacchi era così Aguas a vincere la gara davanti a Pavoni e Roda. Quarto si confermava Giammaria precedendo Caffi, Busnelli, Palma, Mugelli Lietz e Tenchini. Nella GT3 era Earle a vincere precedendo Sangiuolo, mentre nella GT Cup Sada chiudeva davanti a Campanello.

Qui la classifica di gara 1.

Via | ACI Sport Italia

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: