Civm, domenica 3 agosto scatta la Fasano-Selva

iaquinta

La più classica delle competizioni automobilistiche pugliesi, una gara che la sua lunga storia ne fa un’eccellenza nel panorama motoristico nazionale, torna domenica prossima 3 agosto: è la Coppa Selva di Fasano, edizione numero 51 di una serie iniziata nel 1946.

Una storia lunghissima, dai momenti non sempre facili, ha tramandato ai giorni nostri una gara che nel Campionato Italiano Velocità della Montagna è diventata tappa fissa: quella di quest’anno sarà infatti la 9ª delle 12 prove del campionato Nazionale.

Gli organizzatori della Egnathia Corse, storica scuderia di Fasano guidata da Giuseppe Colucci, hanno in serbo, ogni anno, tante iniziative per mantenere alta la vitalità della loro gara. Motivi di interesse che anche stavolta non mancheranno, con il coinvolgimento di noti personaggi del mondo dello spettacolo.

Nell’ambito della sfida sportiva, arriverà a Fasano una grande novità tecnica, che ha fatto cambiare il volto delle cronoscalate e acceso di passione il vasto pubblico degli appassionati.

Nuove regine scendono in gara. Regine delle cronoscalate sono sempre state le vetture Prototipo, classificate come auto “corsa biposto”. Sono, in breve, ideali vetture sportive, dalle dimensioni di telaio e abitacolo idonee al trasporto di due persone.

Sono spinte da motori dalle generose prestazioni, di cilindrata fino a 3000 cc e hanno, da sempre, dominato la scena sportiva delle gare di velocità in salita. Ma, dopo alcune sporadiche apparizioni nelle precedenti stagioni, sono ora le monoposto a dominare la strada: si tratta delle stesse auto che disputano i maggiori campionati internazionali in pista, quelle che svezzano i campioni che poi emergono in Formula 1.

Sono rappresentate vetture di tutte le categorie: dalla Formula Renault, con la quale Kimi Raikkonen ha mosso i suoi primi passi in automobilismo prima di accedere alla F.1, alla Formula 3000, categoria che ha visto eccellere Felipe Massa, poi diventato l’alfiere della Ferrari che tutti conosciamo.

I più noti piloti del panorama nazionale scendono oggi in gara al volante di queste vetture, capaci di prestazioni di livello assoluto, che insieme ai classici Prototipi rappresentano il momento più atteso di ogni gara.

Tanti campioni sul percorso della Selva. Il percorso, da compiere in due manches, misura 5.600 metri, dalla partenza lungo la SS 172 per Locorotondo (124 metri sul livello del mare) fino a Selva di Fasano, località turistica posta a una altitudine di 430 metri.

I top driver della odierna Fasano-Selva sono il trevigiano Danny Zardo, che al volante di una Reynard-Mugen di Formula Nippon comanda tra le monoposto, davanti al trentino Christian Merli (Lola-Zytek B99). Leader nella categoria Prototipi è il sassarese Omar Magliona (Osella-Honda PA/21S), davanti al bresciano Giulio Regosa (Osella-Honda PA/21S).

Accattivanti almeno quanto i Prototipi sono le vetture GT, tra le quali comanda il teramano Marco Gramenzi (Chrysler Viper GTS), seguito dall’anconetano Stefano Pierdomenico (Ferrari 360 Modena). Gli altri leader provvisori sono Fabrizio Pandolfi (classe E1 Italia) su Alfa Romeo 155 V6 Ti, quindi in il pescarese Giuliano Pirocco (Gruppo A) su Peugeot 306 S16 e infine il trevigiano Lino Vardanega (Gruppo N) su BMW M3.

Parata di VIP, piloti per un giorno. Comici dal migliore cabaret nazionale, attori dalle opere televisive di maggiore successo, infileranno a Fasano tuta e casco, per sedere al volante di regolari auto da corsa. Tra questi l’habitué è l’attore Ettore Bassi, ormai esperto pilota di auto da corsa, tanto che il protagonista di “Chiara e Francesco” correrà quest’anno a bordo di una vettura Prototipo.

Gli altri VIP saranno invece al volante delle Volkswagen Lupo, preparate per loro dall’organizzazione della Egnathia Corse. Con queste vetture tornerà a correre l’attore Raffaello Balzo, mentre il suo collega Flavio Montrucchio avrà il suo debutto in gara. Anche il fotografo Fabrizio Corona sarà in tuta e casco, pronto a dare il meglio di sé nel confronto con i colleghi famosi.

Non potevano mancare, infine, due personaggi del mondo politico, per la precisione due senatori: si tratta di Nicola Latorre, del Partito Democratico, e di Guido Viceconte, del PdL. Senza contare lo stesso sindaco di Fasano, Lello Di Bari, che pilota di lunga carriera lo è già. Ragione che ha indotto il Primo Cittadino di Fasano a correre nella propria categoria abituale, con una propria vettura.

Via | Comunicato Press.net

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: