WRC, Rally di Grecia 2013: Latvala vince la sfida ellenica

Come si poteva facilmente prevedere, dopo aver visto la classifica della seconda giornata, il successo finale nel Rally di Grecia è andato a Jari-Matti Latvala, che guadagna il suo primo sigillo iridato con la Volkswagen.

Il pilota finlandese ha tenuto alta la bandiera della casa di Wolfsburg dopo che il compagno di squadra Sebastien Ogier, leader provvisorio della classifica mondiale, è stato costretto ad abbandonare i sogni di gloria nel corso della prima tappa.

Ad agevolare la vittoria di Latvala ci hanno pensato i problemi occorsi a Evgeny Novikov, che aveva chiuso al comando la giornata inaugurale. Quando è stata agitata al vento la bandiera a scacchi della prova finale, la piazza d’onore è andata a Daniel Sordo, che ha difeso responsabilmente e senza strafare i colori della Citroen.

Gradino più basso del podio per Thierry Neuville, terzo al traguardo con la prima Ford. Dietro di lui ha chiuso Andreas Mikkelsen, che ha strappato il quarto posto a Nasser Al-Attiyah, grazie a una serie di sigilli nelle speciali odierne.

Sesto posto per Mads Ostberg, seguito da Mikko Hirvonen, Martin Prokop, Evgeny Novikov e Sebastien Ogier, ultimo della top ten. Gloria fra le WRC 2 per Robert Kubica, autore di una prova molto luminosa.

Rally Grecia 2013, classifica finale

01. Jari-Matti Latvala VW 3h31'01"2
02. Dani Sordo Citroen + 1'50"0
03. Thierry Neuville M-Sport Ford + 2'14"1
04. Andreas Mikkelsen VW + 3'55"1
05. Nasser Al-Attiyah M-Sport Ford + 4'12"6
06. Mads Ostberg M-Sport Ford + 5'48"7
07. Mikko Hirvonen Citroen + 8'00"7
08. Martin Prokop Czech Ford + 8'01"2
09. Evgeny Novikov M-Sport Ford + 8'11"8
10. Sebastien Ogier VW + 10'10"3

WRC, Rally di Grecia 2013: Latvala in testa nel secondo giorno

Jari-Matti Latvala conduce le danze al termine della seconda giornata di prove speciali del Rally di Grecia, sesta tappa del campionato WRC 2013.

Il pilota finlandese, dopo aver guadagnato il comando della corsa, pur senza tirare troppo, ha progressivamente incrementato il vantaggio sugli inseguitori, approfittando del fatto che Dani Sordo non ha neppure tentato una rimonta, preferendo blindare un risultato comunque utile in termini di classifica.

Del resto, i terreni accidentati della sfida ellenica non sono il campo ideale per esercitarsi in azioni oltre i limiti del buon senso, per il rischio di fare danni irreparabili, come successo ad altri protagonisti della corsa.

A questo punto del confronto, il divario fra la Volkswagen del leader e la Citroen del diretto inseguitore supera il minuto. Con sole quattro speciali ancora da disputare, difficile immaginare cambi di classifica che non siano prodotti da fattori o eventi straordinari.

Scorrendo la graduatoria, al terzo posto si trova Thierry Neuville, al volante della prima Ford. Poi il compagno di squadra Nasser Al-Attiyah, seguito da Andreas Mikkelsen, Mads Ostberg, Mikko Hirvonen ed Evgeny Novikov. Il pilota russo, grande protagonista nella giornata d’apertura, si è dovuto arrendere ieri alla sfortuna, che si è manifestata nella forma di inconvenienti tecnici alla sua macchina. Ora occupa il nono posto, seguito da Robert Kubica, ultimo della top ten ma primo assoluto tra le WRC 2.

Rally Grecia 2013, classifica day 2

01. Latvala/Anttila (Volkswagen Polo WRC) 2.32’42″8
02. Sordo/Del Barrio (Citroen DS3 WRC) + 1’04″1
03. Neuville/Gilsoul (Ford Fiesta WRC) + 1’43″1
04. Al-Attiyah/Bernacchini (Ford Fiesta WRC) + 3’46″1
05. Mikkelsen/Markkula (Volkswagen Polo WRC) + 4’11″8
06. Ostberg/Andersson (Ford Fiesta WRC) + 5’26″3
07. Prokop/Ernst (Ford Fiesta WRC) + 5’50″3
08. Hirvonen/Lehtinen (Citroen DS3 WRC) + 7’52″2
09. Novikov/Minor (Ford Fiesta WRC) + 8’16″1
10. Ogier/Ingrassia (Volkswagen Polo WRC) + 10’29″5

WRC, Rally di Grecia 2013: Novikov in testa nel primo giorno

Evgeny Novikov comanda le danze dopo la prima tappa del Rally di Grecia, sesto round del WRC 2013, dopo le sfide di Monte Carlo, Svezia, Messico, Portogallo e Argentina. Il pilota russo è stato il più rapido nella giornata di ieri, scavando un margine di mezzo minuto sul più diretto inseguitore.

Ad agevolare la sua marcia ci hanno pensato alcuni dei più quotati protagonisti della serie iridata, che si sono dovuti arrendere alle difficoltà messe sul piatto dalla lunga prova fra Kineta e Pissia. In questa speciale è giunto il ritiro di Sebastien Ogier, grande favorito per il successo finale con la sua Volkswagen.

Sugli stessi sterrati hanno perso terreno, in modo vistoso, anche Mikko Hirvonen, per problemi tecnici, e Mads Ostberg, per una piccola sbavatura di guida che ha inciso sull'equilibrio della sua macchina. Nella sfida ai piedi dell’Acropoli si è definita la classifica della prima tappa, con Novikov davanti a Daniel Sordo, finito in piazza d'onore con la sua Citroen DS3 WRC. Terzo posto, a quaranta secondi dal vertice, per Latvala, con la Volkaswagen, i cui colori dovrà cercare di tenere alti.

Poi Neuville, con un gap dal leader pericolosamente vicino al minuto. Supera questa soglia il distacco di Mikkelsen, che precede Al-Attiyah, Prokop, Al Qassimi, Ostberg e Roberto Kubica, decimo assoluto ma primatista in WRC-2.

Rally Grecia 2013, classifica day 1

01. Novikov/Minor (Ford Fiesta WRC) 50’59”3
02. Sordo/Del Barrio (Citroen DS3 WRC) + 30”3
03. Latvala/Anttila (Volkswagen Polo R WRC) + 39”1
04. Neuville/Gilsoul (Ford Fiesta WRC) + 51”1
05. Mikkelsen/Markkula (Volkswagen Polo R WRC) + 1’14”6
06. Al-Attiyah/Bernacchini (Ford Fiesta WRC) + 1’32”9
07. Prokop/Ernst (Ford Fiesta WRC) + 2’34”3
08. Al Qassimi/Martin (Citroen DS3 WRC) + 3’22”4
09. Ostberg/Andersson (Ford Fiesta WRC) + 3’30”1
10. Kubica/Baran (Citroen DS3 RRC) + 4’17”3

WRC, Rally di Grecia 2013: verso il sesto atto del mondiale

Si avvicina a passo spedito l'appuntamento con il Rally di Grecia, sesto atto del WRC 2013. Mancherà all'appello Sebastien Loeb, fresco vincitore della sfida argentina, dove l'extraterrestre alsaziano, impegnato a macchia di leopardo nella stagione agonistica in corso, è riuscito ad imporsi con la sua Citroen.

Sebastien Ogier, dopo le dissavventure patite nella seconda tappa di quella gara, non è riuscito a recuperare terreno nei suoi confronti, anzi ha incrementato lo svantaggio, chiudendo la prova americana a 55 secondi dal crono di riferimento.

Il pilota francese della Volkswagen può consolarsi con la leadership in classifica conduttori, saldamente nelle sue mani, con 122 punti contro i 68 del diretto rivale. Ora questo margine potrebbe crescere in modo significativo, per l'assenza di Loeb.

Ricordiamo che fino a poco tempo fa si temeva che la gara ellenica non potesse svolgersi regolarmente, per la difficile situazione finanziaria dell’organo di governo del motorsport in Grecia.

Diverse speculazioni davano l’Elpa sull’orlo del fallimento, ma Pavlos Athanassoulas, promotore dell’evento agonistico, aveva smentito tali voci: “L’automobile club greco non è in bancarotta. Questi sono tempi molto difficili per il nostro paese, che interessano anche l’Elpa, su cui gravano alcuni debiti, ma il rally non è in pericolo, anche perché abbiamo un’assicurazione da dieci milioni di euro”.

Posso dire –aveva aggiunto Athanassoulas- che non c’è alcun dubbio sul regolare svolgimento della sfida. L’Acropolis Rally è sicuro al 100% per questa stagione. Ovviamente, non si può parlare ancora dell'anno prossimo, ma siamo già in trattativa per estendere l'attuale contratto”. I fatti stanno dimostrando che non si sbagliava. Ecco gli appuntamenti.

Rally di Grecia 2013, gli orari

Venerdì 31 maggio

QS Loutraki 10:33 3.10 (ora*, chilometri)
SS1 Kineta – Pissia 18:28 47.70
SS2 Kineta 21h26 20:h26 26.05

Sabato 1 giugno

SS3 Klenia Mycenae 1 8:23 17.41 (ora*, chilometri)
SS4 Ghymno 1 9:38 17.61
SS5 Kefalari 1 10:33 18.40
SS6 Ziria 1 11:59 21.36
SS7 Klenia Mycenae 2 15:10 17.41
SS8 Ghymno 2 16:25 17.61
SS9 Kefalari 2 17:20 18.40
SS10 Ziria 2 18:46 21.36

Domenica 2 giugno

SS11 Pissia 1 10:23 11.47 (ora*, chilometri)
SS12 Loutraki 1 10:42 30.14
SS13 Pissia 2 13:37 11.47
SS14 Loutraki 2 [Power Stage] 13:56 30.14

* ora locale, in Italia -1

Rally di Grecia, edizione 2012

L’anno scorso il successo nella gara andò a Sebastien Loeb, nonostante la foratura a una ruota della sua Citroen nel corso della ventesima prova speciale. L’extraterrestre alsaziano chiude in bellezza la sfida greca, incassando pure i tre punti della Power Stage. Questo risultato gli permise di allungare in classifica, aumentando le sue chance iridate.

Dietro di lui giunse il compagno di squadra Mikko Hirvonen, che guadagnò il secondo posto in classifica conduttori. Terzo posto per Jari-Matti Latvala, finito sul gradino più basso del podio con il primo bolide dell’ovale blu. Ad incidere sul risultato del finlandese della Ford fu una foratura nel corso della tappa intermedia, che gli fece perdere molto terreno sul capofila, controllato a vista fino a quel momento.

Note ancora meno felici per Petter Solberg, costretto al ritiro dopo essersi portato a un soffio dall’otto volte campione del mondo. Il pilota norvegese uscì di scena per un errore nelle fasi iniziali della frazione conclusiva, quando andò fuori strada finendo contro un albero. A quel punto il ritiro fu inevitabile, per i danni riportati dalla sua Fiesta.

Il quarto posto della gara ellenica finì nelle mani di Mads Ostberg, seguito da Martin Prokop, Thier-ry Neuville e Sebastien Ogier, vincitore fra le S2000 con la sua Skoda Fabia. Yazeed Al-Rajhi, Ott Tank e Abdulaziz Al-Kuwari chiusero la top ten.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: