F1, Grosjean: "La penalità avuta a Monaco è abbastanza dura"

Romain Grosjean accetta la sanzione a suo carico, che lo farà retrocedere di dieci posizioni in griglia nel Gran Premio del Canada di Formula 1, ma non può fare a meno di sottolineare come la mano dei commissari sia stata abbastanza dura.

Ricordiamo che all’origine del provvedimento punitivo c’è il comportamento pericoloso tenuto dal pilota svizzero con passaporto francese nella sfida di Monaco, quando si è buttato con la sua Lotus contro la Toro Rosso di Daniel Ricciardo, creando una situazione oggettivamente rischiosa.

Grosjean vuole fare del suo meglio per mettersi alle spalle la vicenda del Principato, ma torna sulla questione, spiegando il suo punto di vista, riportato da Planet F1: “Non ho cercato lo scontro, ma la sfida di Montecarlo è un ottovolante. Nessuno vuole entrare in contatto con le barriere del salotto dei Grimaldi, dove la condotta di gara è un delicato equilibrio tra andare veloce e non fare sbavature. Il margine di errore è molto piccolo: l'ho scoperto a caro prezzo”.

Come ricorda il sito di F1 Times, il pilota transalpino della Lotus vanta una lunga storia di incidenti, avvenuti in modo seriale lo scorso anno.

Nelle prime gare della stagione 2013 le cose sono andate meglio, ma a Monaco c’è stato una specie di ritorno al passato. Adesso sarà costretto a partire dieci posizioni più indietro rispetto al tempo che farà segnare nelle qualifiche di Montreal.

Grosjean, mettendo da parte l’incidente di domenica, sembra oggi più maturo e meno intemperante, specie se si tiene conto dei mille casini che ha combinato nel 2012. Il suo cammino di crescita professionale ha prodotto dei frutti, ma evidentemente c’è ancora qualcosa da fare per raggiungere un livello normale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail