F1, la McLaren si aspetta una crescita ma non un balzo in avanti

La Mclaren non si aspetta di risalire la china rapidamente, ma dalle parti di Woking pensano che la loro monoposto stia compiendo dei piccoli ma significativi progressi. Lo dice Sam Michael.

Il direttore sportivo del team d’oltremanica ammette che la MP4-28 è ancora lontana dagli standard di riferimento, ma a Monaco sono emersi alcuni segni di miglioramento. Altri, seppur minimi, dovrebbero giungere questo fine settimana in Canada.

Ecco le parole di Michael, riportate da Motorsport: “Stiamo sviluppando la macchina, che va sempre meglio, anche se cresce a ritmo meno spedito di quello che vorremmo. Non stiamo tornando in fretta nei piani alti, ma ci stiamo muovendo nella giusta direzione. I passi fatti ci stanno portando gradualmente verso la parte anteriore”. Anche Jenson Button la pensa allo stesso modo.

Ricordiamo che l’avvio di questo campionato non è stato particolarmente felice per la McLaren, che occupa il sesto posto in classifica costruttori, a sette punti dalla Force India.

Con queste premesse non è facile ipotizzare una gara brillante in Canada, ma il team principal Martin Whitmarsh spera che il circuito di Montreal, dove le creature di Woking si sono espresse spesso bene, possa adattarsi meglio degli altri alla monoposto 2013, agevolando il conseguimento di un risultato più luminoso di quelli raccolti recentemente.

Ecco come si esprime il manager d’oltremanica, nelle parole riportate da Planet F1: “La McLaren è sempre andata bene in Canada, dove abbiamo vinto per tredici volte. Ci presenteremo all’appuntamento senza chance di gloria, ma sappiamo bene che a Montreal un risultato inaspettato è sempre possibile”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail