I tedeschi pazzi per Vettel: l'erede di Schumacher?

Vettel erede di Schumacher: c'è già chi ci crede

Non ha ancora finito di godersi la sua gioia per la prima storica vittoria della sua carriera che il suo popolo già lo sta eleggendo ad erede di Michael Schumacher. Una cosa mica facile, anzi, ma ora che il Sebastian Vettel ha dimostrato di avere la stoffa del campione, la stampa tedesca è piena di elogi per lui.

Tanto che i paragoni con Schumi sono all'ordine del giorno, anche se i giornali più seri come la Frankfurter Allgemeine Zeitung, invitano alla cautela e ad aspettare ancora qualche conferma.

Ma in fondo quello che vogliono i tedeschi è l'idea di avere finalmente un pilota di livello in F1, specie dopo il ritiro di Schumi che aveva portato un certo raffreddamento verso lo sport dei motori.

Ma non finisce qui ovviamente, visto che l'appetito vien mangiando già si parla del futuro del pilota della Toro Rosso, che gli appassionati già sognano al volante di una macchina competitiva.

Il cui nome è fin troppo facile da immaginare: Ferrari. Ma anche se si sta correndo un po' troppo - per ora al riguardo ci sono solo ipotesi o fantasie, anche se "un certo Willi Webber" si è già offerto come manager - una prima indicazione in questo senso, piuttosto autorevole, arriva da Gerhard Noack, l'appassionato di Kerpen che scopri Michael.

E che è anche stato il primo ad appoggiare la carriera di Vettel. Intervistato dal tabloid di Monaco, Abendzeitung, alla domanda se proprio Schumi non lo porterà alla Ferrari, Noack ha risposto così:

"Io so che Michael ci pensa da parecchio tempo. Ma da altrettanto tempo esita. Normalmente avrebbe dovuto provare a condurlo verso la Ferrari a metà stagione, per il 2009 o il 2010. Ma forse voleva proteggere Sebastian.

Immaginatevi: lui con un contratto già firmato con la Ferrari per la prossima stagione che vince a Monza. I paragoni sarebbero stati ancora più clamorosi, avrebbero potuto fare troppa pressione sul ragazzo".

via | Gazzetta

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: