Karting, La Conca ha laureato i Campioni 2008



Il Circuito Internazionale La Conca ha laureato i campioni del karting 2008. Da Muro Leccese e dal suo circuito, che nell’arco di poche stagioni si è imposto all’attenzione del motorsport internazionale, ripartono oggi due grandi campioni come il bresciano Marco Ardigò e il romano Flavio Camponeschi, che entrambi al volante di telai Tony Kart, motorizzati Vortex, hanno conquistato rispettivamente il Campionato del Mondo KF1 e la World Cup KF2.

La KF1, categoria regina del karting, ha oggi vissuto gare degne di un film d’azione, ricche di colpi di scena che hanno escluso, loro malgrado, una buona parte dei piloti che fino a ieri erano dati per favoriti. Primo dei delusi è il danese Nikolaj Bollingtoft (Kosmic-Vortex), che ha vanificato la sua pole position rimanendo attardato alla partenza della Prefinale. Questa gara è stata vinta dal francese Arnaud Kozlinski (CRG-Maxter), che ha subito preso un buon vantaggio sull’agguerrita squadra Tony-Vortex, composta, oltre che da Ardigò, dagli inglesi Gary Catt e Will Stevens.

La Finale, nel pomeriggio, sembrava volgere nuovamente a favore di Kozlinski, che dopo essere scattato in testa ed essersi brevemente scambiato la posizione con Ardigò, ha però rotto il motore dopo appena due giri. Da quel momento la gara è stata in mano alla Tony Kart, che dopo un breve intervento al comando di Catt, ha definitivamente visto lanciarsi in testa Marco Ardigò. Il bresciano ha condotto agevolmente tutta la restante parte di gara, controllando il recupero del ceko Libor Toman (Birel-Parilla), che dopo aver strappato il secondo posto a Catt ha tentato invano di avvicinarsi al leader.

Bolligtoft si è parzialmente consolato con il quarto posto, conquistato con una rimonta che si è conclusa con il sorpasso sul bresciano Davide Forè (Maranello-Maxter). Quest’ultimo avrebbe forse sperato di più da questo Mondiale, visto che nei primi giri, mentre era terzo alle spalle di Ardigò e Catt, è sembrato mantenere il passo della coppia di testa.

Ardigò, a fine gara, aveva dipinta sul volto la felicità di aver aggiunto, al quarto titolo europeo conquistato in questa stessa stagione, il suo secondo titolo iridato consecutivo. Altrettanto felice è stata la squadra Tony Kart, che con la vittoria di Ardigò e il piazzamento di Catt ha conquistato la World Cup per team, consegnata sul podio al team manager Giacomo Aliprandi.

Anche la KF2 è stata favorevole ai colori Tony, con il netto dominio di Flavio Camponeschi: sia in Prefinale che in Finale il sedicenne romano non ha avuto avversari, allontanandosi ben presto dal resto degli inseguitori. Il diciassettenne ceko Zdenek Groman (Maranello-Parilla) ha riposto le sue speranze nella Finale, gara in cui è partito in prima fila accanto a Camponeschi. Lo svolgimento della gara è stato invece favorevole a Oliver Rowland (Tony Kart-Vortex): partito dalla 5. fila per una penalizzazione subita in Prefinale, al termine di una laboriosa rimonta il britannico ha scavalcato Groman, per installarsi in seconda posizione.

Anche per Camponeschi questa vittoria giunge dopo la conquista di un altro titolo, l’Europeo KF2 che il romano aveva già conquistato in questa stagione. Parziale soddisfazione anche tra i piloti locali, dei quali il pilota di Racale (LE) Nazareno Gatto (FA Kart-Vortex) è stato il migliore, classificandosi al 21. posto.

L’appuntamento con le prossime gare al Circuito Internazionale La Conca è per il weekend del 1-2 novembre, con la disputa della Silver Cup (competizione aperta alle categorie KZ2, KF2 e KF3) e l’Euro Trophy by 60.

ufficiostampa@laconca.com

Via | Comunicato Stampa

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: