Prestigiosi Costruttori Europei guardano nuovamente all'America



La IndyCar massimo Campionato per monoposto USA torna ad attirare interesse a livello internazionale, la riunificazione con la Champ-Car, concorrente per anni ha ridato smalto al campionato che nelle ultime stagioni aveva perso interesse.

Tutti ricordiamo gli anni d’oro della CART quando a cavallo degli anni 80 e 90 la serie Americana era diventata un riferimento tra le monoposto, attirando sponsor internazionali, piloti di Formula 1 e soprattutto costruttori Europei, ricordiamo Porsche e Alfa Romeo che per la verità non ebbero molta fortuna, ma il loro impegno dimostra quanto interesse avessero all’epoca per la serie USA e per il mercato che essa rappresentava. Parte di quell’interesse: crisi economica permettendo sembra essere tornato, proprio a Indianapolis durante l’ultimo meeting tecnico della categoria erano presenti rappresentanti di tre case Europee, niente di meno che Audi, Porsche e Alfa Romeo.

Non si sa esattamente che decisioni siano state prese nella riunione, ma sembrano attendibili voci di un accordo su l’utilizzo di propulsori 4 cilindri sovralimentati dal 2011, che Porsche e Alfa cerchino un riscatto dalle precedenti deludenti esperienze.

Per la casa tedesca l’America è sempre il mercato di riferimento, mentre l’Alfa cerca la chiave per entrarci, la casa del biscione è da troppo tempo fuori dall’automobilismo importante, è il momento di tornarci.

Foto del titolo: il propulsore per la Cart realizzato dalla Porsche alla fine degli anni 80

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: