Force India F1: Mallya vuole aiutare Paul di Resta ad adattarsi alle nuove gomme

La Force India ha lasciato Budapest senza aggiungere un solo punto al suo bottino mondiale.

Nella sfida ungherese, in particolare, Paul di Resta ha faticato ad adattarsi alle nuove gomme, che hanno compromesso la performance finale del pilota tedesco.

Ecco le parole di Vijay Mallya alla Press Association, riprese da Planet F1: “Le gomme hanno giocato un ruolo importante nel determinare le prestazioni di tutta la stagione. Abbiamo investito tempo ed energie per sfruttarle al meglio. Nella sfida più recente del calendario agonistico, però, Paul ha lottato con gli pneumatici di nuova introduzione per tutto il weekend”.

Sulla pista magiara –prosegue il boss del team- è stato insolitamente poco competitivo. Ogni volta che ha iniziato dalle retrovie, per responsabilità a noi imputabili, ha ripreso la via dei punti, ma in Ungheria non ha funzionato niente per lui. E’ stato un problema specifico di adattamento, non della macchina. Forse si lega al fatto che Paul ha un approccio più morbido alle gomme, che richiede più tempo per portarle in temperatura, dobbiamo aiutarlo quindi a trovare il feeling con i nuovi prodotti Pirelli”.

Ricordiamo che il pilota britannico difende nel 2013, insieme ad Adrian Sutil, i colori della Force India. La sua carriera, come quella di molti colleghi, prende le mosse nell’universo del karting. Risale al 2002 lo sbarco nella British Formula Renault, che dopo altri passaggi, gli apre le porte della Formula 3, dove fa il suo ingresso nel 2005. L’anno dopo vince il titolo della categoria, facendo meglio del compagno di squadra tedesco, che ha un nome destinato a brillare nell’universo dorato del Circus: Sebastian Vettel.

Nel 2007 avviene l’ingresso nel competitivo mondo del Deutsche Tourenwagen Masters (DTM), al volante di una Mercedes. Con lo stesso marchio giunge secondo nella classifica piloti della stagione successiva, mettendo all’incasso due affermazioni in gara. Dopo il terzo posto del 2009, guadagna il titolo della specialità nell’anno successivo, sempre in difesa dei colori della “stella”. Nello stesso anno gode della possibilità di provare in pista una McLaren, team legato motoristicamente alla casa di Stoccarda.

Sempre nel 2010 diventa collaudatore della Force India, dove guadagna presto un posto da titolare, in coppia con Adrian Sutil. Durante la stagione 2011 mette all’incasso un discreto bottino di punti, raccogliendo il tredicesimo posto finale in classifica conduttori. Buono il suo passo anche nel 2012, quando nel team indiano si confronta con il talentuoso tedesco Nico Hulkenberg, finito davanti a lui a fine anno. Anche nel 2013 difende la bandiera della squadra di Vijay Mallya, insieme al rientrante Sutil.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail