GP Belgio F1 2013: i successi Ferrari a Spa-Francorchamps

Anche se i punti hanno lo stesso valore, a prescindere dal contesto ambientale in cui maturano, ci sono delle gare che rendono più alto il loro peso specifico.

Alcuni circuiti del calendario iridato sono speciali e rendono le emozioni connesse a un buon risultato ancora più intense.

Vincere su questi impianti, ricchi di storia e magia, ha un valore aggiunto, di matrice sentimentale. La pista di Spa-Francorchamps appartiene alla specie.

Qui la Ferrari si è imposta per dodici volte, con sette piloti diversi. I nomi sono riportati in ordine cronologico dal sito ufficiale della casa del “cavallino rampante”: Alberto Ascari (due volte), Peter Collins, Phil Hill, John Surtees, Michael Schumacher (quattro volte), Kimi Raikkonen (due volte) e Felipe Massa.

Il poker di successi (1996, 1997, 2001 e 2002) conquistato da Schumacher è rimasto nel cuore dei ferraristi. Ora il popolo delle “rosse” si augura che la gloria si ripeta. Dovremo pazientare ancora pochi giorni per sapere come andrà a finire.

Il Gran Premio del Belgio di Formula 1, cui tocca il compito di riaprire le danze dopo le vacanze estive del Circus, si avvicina infatti all’orizzonte. La sfida è attesa per il prossimo weekend. I bolidi torneranno a rombare sul circuito più bello, spettacolare e difficile dell'intero campionato: quello di Spa-Francorchamps.

Il fantastico impianto, con continui saliscendi e cambi improvvisi di traiettoria, deve le sue splendide caratteristiche ai progettisti e alla natura, perché il suo sviluppo segue il profilo delle Ardenne. Speciale l'Eau Rouge, la curva più famosa del mondo, dove la magia della guida si esprime con grande intensità.

I piloti amano questa pista, ben diversa dai tracciati di ultima generazione, privi di anima e storia. Qui Fernando Alonso potrebbe esprimersi al meglio, ma è necessario che la F138 lo assecondi nelle sue dinamiche. I tifosi della Ferrari incrociano le dita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail