GP Belgio F1 2013: le migliori immagini della pista di Spa-Francorchamps

Scatterà fra qualche ora la 57° edizione del GP del Belgio, ospitato come da tradizione sul circuito di Spa-Francorchamps. Ne ripercorriamo la storia e l'evoluzione attraverso una ricca galleria d'immagini.

Spa-Francorchamps

Girovagando per internet abbiamo scovato l’immagine in apertura. Non è purtroppo datata, ma è riconducibile a prima del 1920. Mostra come appariva la cittadina di Francorchamps prima che iniziassero i lavori di costruzione dell’autodromo, avviati nel 1920 e conclusi nell’agosto del 1921. Abbiamo quindi scelto di raccogliere le migliori immagini e ricostruire il passato di uno fra i circuiti più affascinanti e seducenti dell’intero circus, dove fra qualche ora inizierà la 57° edizione del Gran Premio del Belgio. Il circuito nelle Ardenne sorge nelle vicinanze di Francorchamps, cittadina di nemmeno 7mila anime situata nella municipalità di Spa.

Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps

I lavori di costruzione furono in realtà meno invasivi di quanto si possa immaginare. Il progettista Jules de Their volle infatti unire le tre strade statali che avvicinavano le cittadine di Malmedy, Stavelot e Francorchamps, ricavando così un percorso estremamente veloce e suggestivo; misurava ben 14 chilometri. Tutti gli appassionati di automobilismo conoscono ovviamente le curve Eau Rouge e Raidillon. Entrambe risalgono al finale degli anni ‘30 e superano un dislivello di 24 metri in appena 240 metri di strada; furono disegnate per aggirare la sezione dell'Ancienne Douane, con il preciso intento di trasformare la pista in una fra le più veloci d’Europa. L’Eau Rouge piega a sinistra e si connette immediatamente alla Raidillon, la cui odierna configurazione risale al 1970 e risulta più lenta di quanto non fosse in precedenza. Queste due curve si connettono alla Les Combes, ultima del trittico ed affacciata sul rettilineo del Kemmel.

Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps

Le Eau Rouge-Raidillon vengono percorse a 160-180 km/h da automobili da turismo, mentre una Formula 1 raggiunge qui anche I 300 km/h. A fine anni ’70 il circuito fu tuttavia sottoposto a radicali modifiche. Vennero mantenuti i tratti di viabilità ordinaria e fu aggiunta una bretella ad unire le due sezioni rimaste del vecchio tracciato. Nel 1980 cambiò il disegno della curva Bus stop, venne modificata la zona di partenza (resa pianeggiante) ed a metà anni ’90 le via di fuga ricevettero interventi correttivi. Le ultime migliorie risalgono al 2007, quando i tecnici rinnovarono il disegno della Bus stop. La pista si allungò fino a toccare i 7.004 metri.

Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps

La prima gara venne ospitata nel 1922. Già due anni dopo si corse la prima 24 Ore di Spa-Francorchamps, mentre dall’anno seguente esordirono le vetture della Formula Grand Prix. Il circuito belga ospita anche una 1.000 chilometri dedicata a vetture sporti. Michael Schumacher detiene il maggior numero di successi (6), mentre il giro record è stato stabilito nel 2004 da Kimi Raikkonen (1'45"108 minuti).

Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps
Spa-Francorchamps

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail