F1, la Ferrari e le speculazioni di mercato

La Ferrari è sempre al centro delle voci di mercato in Formula 1. Anche se le speculazioni attuali ruotano attorno al nome di chi andrà a sostituire l’anno prossimo Mark Webber alla Red Bull, è chiaro che questo movimento produce riflessioni a più ampio raggio, per il contributo che può dare al cambiamento della geografia complessiva della griglia 2014.

Si fanno varie ipotesi, compresa quella di un clamoroso rientro di Kimi Raikkonen, al posto di Felipe Massa o addirittura di Fernando Alonso, ma come sempre i rumors estivi vanno presi con le pinze, per il loro valore scarsamente “scientifico”.

Ancora non c’è nulla di concreto, quindi è prematura dipingere degli scenari, anche perché la casa di Maranello non sembra intenzionata a separarsi dal suo pilota di punta, mentre per Massa ci sono ancora dei margini per una sua permanenza, a condizione che nelle prossime gare si esprima su un congruo livello prestazionale. Per rispondere alle dicerie giornalistiche, la Ferrari si affida a un personaggio immaginario: il “Grillo Rampante”. Ecco cosa dice:

La consuetudine, detta anche uso normativo, è una fonte del diritto. Essa consiste in un comportamento costante ed uniforme (diuturnitas), tenuto dai consociati con la convinzione (opinio iuris) che tale comportamento sia doveroso o da considerarsi moralmente obbligatorio.

In Formula 1 spesso si tende a creare artificialmente delle consuetudini soltanto perché suonano bene o sono funzionali alle proprie teorie. Una di queste afferma che la Scuderia aspetta il Gran Premio d’Italia per annunciare la formazione dei piloti dell’anno successivo. Ebbene, dispiace per tutti i creativi e per quanti attendono trepidanti l’appuntamento di Monza ma questa presunta consuetudine non ha ragion d’essere.

Del resto, come nel diritto, basterebbe dare un’occhiata ai fatti: dal 1991 ad oggi – da quando cioè l’ufficio stampa di Maranello ha iniziato a lasciare tracce cartacee delle comunicazioni ufficiali – soltanto due volte, nel 2006 e nel 2008, il Gran Premio tricolore fu il pal-coscenico di un annuncio relativo ai piloti.

Quanto agli ornitofili ossessionati dai cinguettii, stiano anch’essi tranquilli perché non ci sono annunci all’orizzonte. Anche perché nessuna decisione è stata ancora presa. Peraltro, come avviene nelle migliori famiglie, le decisioni importanti si prendono insieme quando è il momento migliore per farlo e non perché c’è un appuntamento specifico in calendario.

Se, tanto per rimanere in tema ornitologico, una rondine non fa primavera, allora nemmeno un annuncio crea una consuetudine…

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail