Sardegna, pronto nei dettagli il rally del Corallo 2009

corallo

Mancano poco più di due mesi allo start del Rally del Corallo 2009, ma già in questi primi giorni del nuovo anno è possibile apprezzarne i dettagli, quelli che l’'organizzazione, Automobile Club Sassari in concerto con Promozione Eventi Sportivi ed i suoi partner, ha già definito da tempo.

Sulla scorta delle due precedenti edizioni e con la forza di un duro lavoro quotidiano mosso dalla passione, verrà proposta un'’altra edizione del Rally destinata al successo. La sfida è programmata per il 12-14 marzo prossimi. Una data anteriore alle due precedenti occasioni, ma sempre forte della massima titolazione possibile per una gara riservata alle vetture storiche: il Campionato Europeo.

Sarà la prova di apertura del campionato continentale, con due giorni di battaglie su un percorso misto asfalto-terra, vale a dire la grande, discussa - e poi apprezzata - novità del 2007 e del 2008 riproposta pure per il 2009 a grande richiesta di piloti, addetti ai lavori ed appassionati.

Una manifestazione, il Rally del Corallo, che anche quest’'anno si colloca come tra le più importanti della Sardegna, avvalendosi del prezioso patrocinio della Regione, della Provincia di Sassari e della Città di Alghero, ma anche della spinta del CONI-Comitato Provinciale di Sassari.

Oltre alla validità continentale la gara avrà il piacere di avere nuovamente quella per il Campionato Italiano della specialità, di cui sarà la seconda prova, oltre che per il Trofeo Italiano Rally e la Coppa CSAI Rally Storici. Ci sarà poi la Coppa del Corallo, iscritta a calendario CSAI con partecipazione straniera (ENPEA).

Quest'’ultima è caratterizzata dalla formula Regolarità Sport che seguirà il percorso del rally storico, ma con durata complessiva inferiore. Le prove speciali saranno a tempo imposto come da regolamento CSAI. La Coppa del Corallo è aperta a vetture previste nell'’elenco CSAI e sarà valida per il Trofeo Mediterraneo 2009.

Sprecato dire che sono attesi nella Sardegna nord occidentale molti piloti, i quali non vorranno certo mancare un appuntamento così affascinante e come loro saranno presenti anche molti addetti ai lavori ed appassionati.

Due i giorni di gara su un fondo misto di asfalto e terra in due tappe. Il percorso, nella sua interezza, ricalca in larga parte quello del 2008 ma con un chilometraggio complessivo maggiore, questo per incentivare agonismo, spettacolo ed anche . . . suspence.

La prima tappa, venerdì 13 marzo, si svolgerà tutta su prove in asfalto, nell'’entroterra ad est di Alghero; mentre la seconda, sabato 14 marzo, interamente su prove speciali con fondo in terra, nella zona tra Sassari e Castelsardo, tra le quali si evidenzia il triplo passaggio sulla mitica prova di “Santa Vittoria”.

Si tratta di strade bianche estremamente curate, nastri di terra immersi nella inconfondibile natura isolana in grado di esaltare le capacità di guida e le performance delle vetture senza metterne in crisi la meccanica oltre che rinfrancare lo spirito con paesaggi da sogno.

Via | Comunicato Stampa

  • shares
  • Mail