F1, Toro Rosso: Vergne spera di fare meglio in Corea

Jean-Eric Vergne non si abbatte per l’infelice prestazione di Singapore, dove la Toro Rosso si è resa protagonista di una giornata incolore.

Il suo stato d’animo nasce da una riflessione “storica”, riportata su Planet F1: “Abbiamo sempre saputo che Marina Bay sarebbe stata una pista difficile per noi, quindi non è il caso di allarmarsi”.

La prospettiva è il futuro, ma non bisogna spingersi troppo avanti nel tempo, perché altrimenti la grinta va a scemare. Ecco perché Verge pensa di far meglio già in Corea: “A Yeongam la nostra macchina dovrebbe adattarsi meglio allo scenario ambientale. Sono fiducioso per la sfida coreana, che va in scena su un circuito dove mi trovo a mio agio”.

Jean-Eric è molto ambizioso, come è giusto che sia per un pilota di Formula 1. Il driver francese sperava di usare il 2013 come trampolino di lancio verso la conquista di un sedile nel team più vincente degli ultimi anni: la Red Bull. Con il ritiro di Mark Webber una prospettiva interessante si era aperta al suo orizzonte, ma i favori degli uomini di Milton Keynes sono andati al compagno di squadra. Questo gli prude pesantemente.

Vergne, il cui debutto come rookie alla Toro Rosso avvenne nel 2012, ha cercato di mettersi in mostra nel team di Faenza, con gli occhi puntati su un sedile da corsa nella squadra delle “lattine volanti”. Quando l’occasione si è presentata dietro l’angolo, questa è sfumata in favore di Daniel Ricciardo, che l’anno prossimo sarà il nuovo compagno di squadra di Sebastian Vettel, lanciato verso un nuovo successo iridato. Non sempre nella vita, del resto, le cosa vanno come si vorrebbe...

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail