F1: McLaren-Perez addio, ora tocca a Magnussen

Il messicano paga gli scarsi risultati di questo 2013, annunciato il giovane pilota danese al suo posto

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:43:"McLaren, duello Perez-Magnussen per il 2014";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:1965:" Dopo le voci dei giorni scorsi, ora è arrivato l'addio ufficiale: Sergio Perez lascerà la McLaren al termine della stagione 2013, dunque, dopo le gare di Austin e Brasile. Il connubio tra il pilota messicano e la scuderia di Woking non è andato secondo le previsioni ed i risultati non sono stati soddisfacenti, con un quinto posto in India come miglior risultato e tante gare concluse alle spalle del compagno di squadra Jenson Button. Nonostante un finale di stagione in crescendo, non è bastato per meritarsi la conferma.

Tuttavia, almeno nelle parole ufficiali, non c'è alcun rancore nelle parole di addio: "Voglio ringraziare la McLaren per l'opportunità che mi è stata data - ha detto - Resterò per sempre un loro tifoso". E' durata solo una stagione questa opportunità, dopo essere arrivato dalla Sauber tra tante speranze, per i tre podi conquistati con il team svizzero nel mondiale 2012. Ma, come detto, non è andata come nelle previsioni ed il pilota messicano non si è nemmeno avvicinato ai primi, anche se come alibi c'è una vettura poco competitiva.

Ora toccherà al giovane danese Kevin Magnussen, come annunciato nel primo pomeriggio dalla scuderia di Woking. Fa parte del programma giovani piloti McLaren e, quest'anno, ha conquistato il titolo nella Formula Renault 3.5 Series, con sette vittorie parziali. Oltre a questi risultati, la scuderia di Woking pare convinta dalle buone impressioni ricevute, quando Magnussen si è messo al volante della vettura di Formula 1 nei test del novembre 2012 a Yas Marina e nel luglio scorso a Silverstone, dove ha segnato tempi interessanti.

";i:2;s:2208:"

McLaren, duello Perez-Magnussen per il 2014

La stagione 2013 è ormai quasi giunta al suo epilogo, visto che mancano solamente le ultime due gare ad Austin e Brasile, ma alcuni sedili per la prossima stagione sono ancora in bilico. Se la Lotus sembra vicina all’accordo con Nico Hulkenberg e la Williams potrebbe chiudere con Felipe Massa, c’è ancora il dubbio legato al secondo pilota McLaren. Il primo sarà sempre Jenson Button, mentre c’è battaglia per il compagno di squadra: il duello è ristretto all’attuale pilota Sergio Perez ed al giovane Kevin Magnussen.

Il messicano è favorito ed è apparso abbastanza sicuro della conferma, forte di un finale di stagione piuttosto interessante: quinta posizione in India e nona ad Abu Dhabi, sempre riuscendo a concludere davanti al compagno di squadra. Tuttavia, pur consapevole di una monoposto non competitiva con le migliori, la scuderia di Woking non è ancora convinta al 100% sulle sue prestazioni e si aspettava di più nel corso della stagione, con appena 35 punti conquistati complessivamente e finendo molto spesso dietro a Button.

Il danese fa parte del programma dei giovani piloti McLaren ed ha vinto quest’anno il titolo nella Formula Renault 3.5 Series, conquistando sette vittorie e mostrando il suo grande talento. Ha già provato la vettura di Formula 1 nel corso dei test giovani del novembre 2012 a Yas Marina e a Silverstone nel luglio scorso ed ha lavorato con il team per diverse volte al simulatore. Martin Whitmarsh ha annunciato una decisione in tempi brevi: dunque, forse già prima della trasferta americana, potremmo conoscere i piloti McLaren per la stagione 2014. ";}}

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: