La figuraccia di Bernie Ecclestone all'ingresso della High Court

Bernie Ecclestone si reca all'Alta Corte di Londra per testimoniare in merito alla vicenda Gribkowsky. Prima di entrare concede un siparietto: entra in una porta girevole e manca l'uscita, scatenando le risate dei giornalisti.

I suoi avversari non esiteranno a pungerlo e stuzzicarlo, ricordandogli una volta in più come il tempo della pensione sia ormai imminente. Certo è che Bernie Ecclestone si è concesso una bella figuraccia, venendo ingannato da una banalissima porta girevole. Il manager 83enne, nell’entrare presso l’High Court, ha mancato l’ingresso e si è quindi trovato ad effettuare un giro completo all’interno della porta scorrevole, dissimulando l’imbarazzo con estrema nonchalance e suscitando i risolini di tutti i fotografi assiepati fuori dall’edificio. Ecclestone, ancora spaesato, è dovuto poi entrare da un varco secondario.

Il gran patron della Formula 1 era atteso presso l’Alta Corte di Londra nell’ambito dell’inchiesta sull’affare Gribkowsky. Il gruppo Constantin Medien accusa infatti Ecclestone di aver versato una tangente da 27 milioni di sterline al banchiere tedesco Gerhard Gribkowsky, in merito alla cessione dei diritti commerciali della F1 a CVC (suo attuale detentore). Constantin Medien sostiene infatti che il prezzo pagato sia inferiore a quanto dovuto. Il gruppo tedesco aveva infatti diritto al 10% degli introiti qualora CVC pagasse una cifra superiore al miliardo e 100 milioni di dollari, ma la trattativa si concluse per ‘soli’ 814 milioni. Da qui le proteste.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: