Storia: il circuito di Caracalla e la Ferrari 125 S

Il circuito di Caracalla fu teatro del Gran Premio di Roma dal 1947 al 1951, fatta salva l’edizione del 1948, che saltò dal calendario sportivo.

Il Gran Premio di Roma, che poteva entrare in tempi recenti nel calendario agonistico della Formula 1, si tenne nella capitale per vari decenni, a partire dal 1925, sfruttando diversi circuiti. Uno dei più noti è quello di Caracalla, scelto dalla Ferrari per i festeggiamenti principali del cinquantesimo anniversario della casa di Maranello.

Una decisione non casuale, perché proprio sul circuito di Caracalla la Ferrari vinse la prima gara con un’auto di sua produzione, la 125 S. Questo consegnò il circuito urbano romano alla leggenda, aprendo le porte ad un altro cammino leggendario, partito con il modello prima citato, cui rendiamo un doveroso omaggio.

Il successo “rosso” di quell’anno fu conseguito da Franco Cortese il 25 maggio 1947. Da quel momento le vittorie del “cavallino rampante” non si sono più contate. Per i tifosi della Ferrari quella data è molto importante, perché celebra l’avvio di un percorso memorabile, che ha segnato la storia dell’automobilismo.

Ma l’esordio della barchetta a 12 cilindri, avvenuto due settimane prima sul circuito di Piacenza, non era stato fortunato. Il pilota toscano, infatti, dovette ritirarsi. Un piccolo incidente di percorso per un modello nato con i cromosomi migliori. Della 125 venne realizzata anche una versione Competizione, con parafanghi di tipo motociclistico che, con Tazio Nuvolari al volante, vinse la prova sul Circuito di Parma del 13 luglio dello stesso anno.

  • shares
  • Mail