Gp Brasile F1 2013: Webber "Un addio senza rimpianti"

L'australiano domenica correrà la sua ultima gara nel circus, poi passerà alla Porsche per correre a Le Mans

Oltre a Felipe Massa, per il suo addio alla Ferrari, domenica sarà una giornata di grandi emozioni anche per Mark Webber. Il pilota australiano sarà all’ultima gara in Formula 1, per l’annunciato passaggio al programma corse Porsche dal 2014. Dunque, sarà un weekend molto particolare per un pilota nel circus dal 2002 e con gli ultimi sette anni trascorsi alla Red Bull, dove ha ottenuto le sue nove vittorie ed il doppio terzo posto nella classifica piloti nel 2010 e nel 2011. Quest’anno non ha ancora vinto e farlo ad Interlagos avrebbe un sapore del tutto particolare.

Non ho alcun rimpianto – ha detto l’australiano al sito ufficiale della Formula 1, parlando della sua carriera – E’ stato bellissimo, ma avevo bisogno di aprire un nuovo capitolo”. Dodici anni sono tanti e sono stati trascorsi tra gioie e delusioni: “I momenti più speciali sono arrivati con le vittorie a Montecarlo e Silverstone, mentre il finale di stagione 2010 è stato uno dei più difficili”. Webber era vicino al titolo, ma ha chiuso terzo: “Ero molto deluso per non aver vinto il mondiale, ma sono comunque orgoglioso di aver lottato fino alla fine”.

Quello che non è accaduto negli anni successivi, nonostante la Red Bull fosse sempre la vettura più veloce del lotto, come dimostrato dal dominio del suo compagno di squadra Sebastian Vettel. Il rapporto con il tedesco non è stato sempre facile, anzi, ma l’australiano smentisce: “Non ci sono mai stati problemi seri con Seb”. Dopo la gara in Brasile, come detto, passerà alla Porsche per correre a Le Mans: “Spero di vincere un giorno, anche se dovremo fare un duro lavoro. E troverò persone che hanno lavorato in Formula 1“.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail