F1 2013 pagelle: i voti alle scuderie, Ferrari bocciata

Così come il suo pilota Vettel, la Red Bull domina e merita un 10, bene la Mercedes, dietro la lavagna Ferrari e McLaren

Dopo aver dato i voti ai piloti, oggi è il turno delle principali scuderie che hanno dato vita al Mondiale 2013 di Formula 1. Una stagione che ha visto una sola grande dominatrice, la Red Bull, e tutte le altre ad arrancare alle sue spalle.

RED BULL 10 – Ha vinto 13 gare su 19 (sempre con Vettel), chiuso con oltre 200 punti di vantaggio sulla seconda in classifica, conquistato il quarto titolo mondiale consecutivo. Ha avuto un innegabile vantaggio dal cambio degli pneumatici a metà stagione, però è stata un’annata praticamente perfetta.

MERCEDES 7 – L’ombra di quel test segreto con gli pneumatici resta e la sanzione non certo pesante, però ha trasformato la vettura: dalla monoposto mediocre degli anni scorsi, ad una competitiva. Chiude con tre vittorie ed il secondo posto nella classifica costruttori.

FERRARI 4 – Dopo aver lottato fino all’ultima gara nella stagione 2012 ci si attendeva un’annata di vertice, invece così non è stato. Solo nella prima parte del mondiale ci sono stati risultati discreti, poi un crollo verticale, senza riuscire più a lottare con le migliori, nonostante qualche miracolo di Alonso.

LOTUS 6.5 – Mezzo punto in meno per la gestione del caso Raikkonen e per la scelta di Kovalainen, però Grosjean ed il finlandese sono stati spesso tra i protagonisti, proseguendo i buoni risultati ottenuti un anno fa.

MCLAREN 3 – Una delle peggiori stagioni della storia della scuderia di Woking, dopo aver chiuso il 2012 probabilmente con la monoposto più veloce. Mai competitiva, con il quarto posto di Button in Brasile come miglior risultato. Un disastro.

FORCE INDIA 5 – La prima parte della stagione non è stata male, ma ci si attendeva un progresso, dopo un promettente 2012, ed invece non c’è stato.

SAUBER 5.5 – Vale il discorso già fatto per la Force India, seppur con l’alibi dei problemi economici, che hanno certamente influito sullo sviluppo della vettura. Qualche lampo solo con Hulkenberg.

WILLIAMS 4 – L’oblio della scuderia inglese continua: solo due volte in zona punti in tutta la stagione.