F1, Whitmarsh vede la Mercedes come favorita nel 2014

Martin Whitmarsh crede che la Mercedes sia la squadra favorita nella corsa al titolo di Formula 1 2014.

martin_whitmarsh

La Mercedes ha buone credenziali per diventare il team di riferimento nella sfida iridata del prossimo anno. Questo è il parere di Martin Whitmarsh, nonostante il dominio espresso dalla Red Bull negli ultimi tempi.

Il team principal della McLaren, il cui team utilizza motori Mercedes, è convinto che il costruttore tedesco potrà ottenere un grande vantaggio dal fatto di fabbricarsi in casa i propulsori per il prossimo campionato del mondo di Formula 1.

Lo stesso beneficio potrebbe trarre la Ferrari, unica altra squadra a farsi tutto fra le mura domestiche, ma i pronostici che arrivano da Woking danno per favorita la Mercedes.

Ecco le parole di Whitmarsh ad Autosport: “Il mio sospetto è che la Mercedes sarà più forte delle altre. Conosco in modo ragionevole la loro situazione e penso che saranno le frecce d’argento il punto di riferimento in pista nel 2014”.

Anche fra gli uomini della casa di Stoccarda c’è fiducia sulla possibilità che il team raccolga l’anno prossimo dei risultati migliori di quelli del 2013, dove la scuderia della “stella” ha incassato la piazza d’onore in classifica costruttori.

Il presidente del consiglio di amministrazione Dieter Zetsche è ottimista sul fatto che Toto Wolff e Paddy Lowe possano condurre con successo la squadra.

Loro prenderanno le redini delle “frecce d'argento” nel 2014, dopo la fresca separazione da Ross Brawn.

Ricordiamo che la Mercedes puntava a una stagione luminosa nel 2013. Questo per cambiare marcia rispetto agli anni precedenti. Il risultato è stato raggiunto, con il secondo posto in classifica costruttori.

Una sola vittoria incassata: ecco il magro bottino della W03 nel 2012, comunque migliore delle progenitrici, mai finite sul gradino più alto del podio dal momento del rientro nel Circus, avvenuto nel 2010. Con i suoi motori, la McLaren aveva fatto molto meglio, rendendo più amaro il boccone.

A pesare sul bilancio erano state alcune carenze organizzative, un gap tecnico sui primi della classe e un’aerodinamica meno efficace rispetto alle monoposto di punta. Ora si è cambiata marcia e si è fatto meglio. Per il 2014 si punta ad ulteriori progressi. C’è chi pensa al titolo…

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail